Giugno 2010

Striscia di Gaza – Sostegno ai cristiani

La Parrocchia di Gaza conta appena 250 cattolici. Sull’atmosfera della parrocchia, nonostante la comunità sia  vivace e accogliente, pesano varie preoccupazioni: gli arabi cristiani  incontrano attualmente molte difficoltà nell’ambiente a maggioranza musulmana della striscia di Gaza. Come cristiani palestinesi che vivono in Terra Santa non hanno una posizione facile nel conflitto; in quanto palestinesi subiscono le conseguenze dell´occupazione ovvero del blocco israeliani; in quanto cristiani vengono considerati aperti simpatizzanti dell’ Occidente dal momento che non appartengono alla maggioranza musulmana. A causa del pesante blocco israeliano della striscia di Gaza l’economia ristagna e la disoccupazione e la povertà sono estremamente elevate. Mancano generi alimentari, acqua pulita, assistenza medica, mentre abbondano la fame e le malattie, con gravi conseguenze. Il trauma delle recenti guerre è tuttora presente sotto forma di paura, di dolore per i propri morti, di ferite e perdite materiali, come case distrutte e esperienze scioccanti sempre vive in questa zona della Terra Santa. Essere da anni imprigionati in un territorio di 40 km di lunghezza e in media 9 km di larghezza, l’apparente mancanza di una via d’uscita causata della situazione politica e le false promesse – tutto questo favorisce la disperazione, che con un’età media della popolazione di meno di 20 anni, conduce alla passività, all’aggressività e all’estremismo.

Attualmente non è possibile prevedere un futuro migliore e neppure la fine del conflitto: questo rende la vita quotidiana tutt’altro che facile a Gaza. E’ una condizione,che grava soprattutto sulle minoranze, sulle famiglie e sui bambini. Jorge Hernandez, argentino e sacerdote della parrocchia cattolica a Gaza, è anche il responsabile delle due chiese cattoliche presenti in questa parte della Terra Santa. Lui racconta: “Noi vediamo le conseguenze della guerra sempre più quotidianamente a causa dei molti bambini disadattati nelle nostre scuole. Per esempio uno dei nostri ragazzi indossa sempre un cappuccio,anche se non fa freddo; questo perché per lui il cappuccio è in realtà come un rifugio nel quale si può nascondere. I giovani giocano tutti come se avessero delle armi. Qui a Gaza il più grande desiderio dei bambini è possedere al più presto un fucile di plastica, cosi come in Argentina ogni giovane desidera diventare un calciatore! Queste sono tutte conseguenze per cui i bambini crescono in un mondo contrassegnato dalla violenza. Vogliono sentirsi forti. I  bambini sono cresciuti spaventati,e l’atmosfera anche a casa spesso è pesante. Le famiglie vivono in una situazione di impotenza e hanno adesso ancora meno possibilità di influire in qualche modo sugli sviluppi del futuro. É molto diffuso, qua a Gaza, l’atteggiamento della “rassegnazione consapevole”.

Don Hernandez cerca di fare quello che può per accompagnare e sostenere il suo piccolo gregge nell’assistenza spirituale e nelle cose pratiche. Con l’aiuto di qualche suora delle Sorelle del Rosario, delle Piccole Sorelle di Gesù, e delle suore di Madre Teresa, il sacerdote offre anche attività per i giovani: 100 giovani si recano ogni mercoledì in parrocchia e al sabato ci sono anche circa 150 bambini. Insieme si prega, si canta, viene insegnato il catechismo e si gioca a calcio. A queste attività si aggiunge anche la preparazione di brani teatrali attraverso i quali, come spiega don Hernandez, “i bambini possono in qualche modo esprimere i propri sentimenti”.
A Gaza, dove ci sono poche possibilità di svago per i bambini e i giovani, la parrocchia “La Sacra Famiglia” diventa una  piccola oasi di pace, amicizia, di aiuto reciproco e di ristoro che si rende presenza cristiana in questo luogo che è Terra Santa.

Sostenete la minoranza cristiana della striscia di Gaza. Con il vostro contributo potete collaborare alle opere e all´attività della parrocchia cattolica e dei religiosi a Gaza.

***

Sostieni i Luoghi Santi e la presenza cristiana in Terra Santa!

Puoi aiutare i cristiani della Striscia di Gaza tramite il progetto “Emergenza Gaza” di Associazione pro Terra Sancta donando:

ONLINE su www.proterrasancta.org/it/aiutaci/

SU CONTO CORRENTE

ATS – Associazione di Terra Santa
Banca Popolare Etica
IBAN: IT67 W050 18121010 0000 0122691 – BIC CODE: CCRTIT2T84A

BOLLETTINO POSTALE

Conto Corrente: 1012244214
intestato a ASSOCIAZIONE DI TERRA SANTA

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Approfondimenti: Le celebrazioni cristiane in Terra Santa (Gennaio 2018)

“Portiamo la luce ai cristiani di Gaza”: l’appello del parroco padre Mario Da Silva (Giugno 2017)

Dal Vangelo secondo Damasco: “la battaglia che non conosce tregua” (Marzo 2016)

Jamila, un’anziana donna di Betlemme senza assistenza (Gennaio 2016)

Il Custode di Terra Santa in visita ai progetti di Betlemme (Gennaio 2016)

Aleppo, colpita la chiesa che trema ma non crolla. Frate Ibrahim: “La Madonna ci ha protetti” (Ottobre 2015)

I francescani di Terra Santa e i loro benefattori. Intervista a p. Sergio Galdi, segretario di Terra Santa e di Associazione pro Terra Sancta (Aprile 2015)

La Terra Santa in video: scopri e condividi! (Marzo 2015)

Supporto ai profughi di Siria e Iraq in Libano (Gennaio 2015)

Sostegno ai cristiani di Gaza: lavoro per i giovani e generatori di elettricità per le famiglie (Gennaio 2015)

Nel messaggio di Natale, Papa Francesco ricorda i rifugiati di Siria e Iraq (Dicembre 2014)

“I cristiani a Gaza, una sola famiglia”: parla il parroco di Gaza (Settembre 2014)

Opere di carità a Gaza (Settembre 2014)

Il potere del cuore, Ricercatori di verità. Il Custode di Terra Santa al Meeting di Rimini (Agosto 2014)

Terra Sancta Museum: alla riscoperta delle radici cristiane in Terra Santa (Agosto 2014)

“Ecco quello che ho trovato a Gaza”. Continua l’emergenza, i bisogni sono enormi. (Agosto 2014)

Voci da Gaza: le suore del Verbo Incarnato (Luglio 2014)

Bombardamenti a un passo dalla parrocchia cattolica di Gaza city (Luglio 2014)

Per non perdere la speranza: un appello a sostenere gli abitanti di Gaza (Luglio 2014)

Gaza e Siria: le tragedie infinite del Medio Oriente e le voci di chi è sul campo (Luglio 2014)