Marzo 2012

AL VIA IL NUOVO SITO DEL FRANCISCAN MEDIA CENTER. UN MEZZO IN PIU’ PER PORTARE LA TERRA SANTA NEI CINQUE CONTINENTI

Raccontare la Terra Santa, attraverso le immagini, per dare voce e visibilità alla Chiesa Madre di Gerusalemme, ai cristiani locali e ai Luoghi Santi.

Da oggi, all’indirizzo www.fmc-terrasanta.org è on-line il nuovo sito del Franciscan Media Center (FMC), il centro televisivo e multimediale della Custodia di Terra Santa in grado di offrire l’immagine storica, culturale, umana e spirituale della terra di Gesù. Per raccontare, in mezzo al frastuono di una cronaca che parla solo di paura, divisione e conflitto…“un’ altra storia”.

Attraverso il nuovo sito internet, consultabile in sei lingue (italiano, portoghese, inglese, francese, spagnolo e presto arabo), l’FMC sarà ancora più vicino ai tanti cristiani, e non, che vogliono conoscere, seguire o rimanere in contatto con la Terra di Gesù.

Direttamente attraverso il sito web, gli utenti potranno connettersi per rimanere aggiornati sulla Terra Santa anche alle pagine Facebook, Twitter e Youtube.

Archeologia, attualità, cultura, eventi, pellegrini, ecumenismo, dialogo interreligioso, fede… Tanti i temi raccontati nelle videonews che – pubblicate quotidianamente sul nuovo sito – compongono anche il  “Terra Santa News”, l’ormai noto TG settimanale a diffusione televisiva,   trasmesso in diverse lingue  dalle più importanti emittenti  cattoliche del mondo.

Reportage, interviste, documentari e rubriche di spiritualità arricchiscono di immagini e  contenuti il sito del Franciscan Media Center.

Il Centro, nato nel 2008 con sede nella città nuova di Gerusalemme, è in grado di offrire anche dirette delle celebrazioni dai più importanti Santuari della Terra Santa. Trasmesse da molte emittenti televisive, le liturgie in diretta dai Luoghi Santi sono ora visibili anche via streaming attraverso il nuovo sito web.

L’FMC è una scelta coraggiosa della Custodia di Terra Santa, ma anche una sfida necessaria e impegnativa sulla quale si vuole proseguire perché i Luoghi Santi della salvezza e tutta la loro vitalità storica, culturale, umana e spirituale possano continuare a giungere nei cinque continenti. Da oggi con uno strumento in più.

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia