Conservazione e sviluppo

Cura dei Luoghi Santi e sviluppo di comunità locali

“…ci supplicò umilmente d’intervenire con la nostra autorità apostolica al fine di provvedere a quei medesimi Santi Luoghi con (l’invio di) frati devoti…” Papa Clemente VI

Nel 1342 papa Clemente VI proclamò la bolla con cui stabilì ufficialmente la nascita della Custodia di Terra Santa. Da allora, la conservazione dei Luoghi Santi è il compito principale dei frati francescani che vivono in quelle terre.

Nell’arco dei secoli questi luoghi sono diventati patrimonio culturale e risorsa fondamentale per tutto il territorio e le comunità locali, chiamate sempre di più a riscoprirli come fonte di accrescimento umano e opportunità di sviluppo.

L’Associazione pro Terra Sancta, contribuendo alla conservazione dei luoghi, è impegnata ad accrescere la consapevolezza del loro valore in tutte le comunità locali, comprese quelle ebraiche e musulmane. Le attività di recupero e valorizzazione sono inoltre opportunità per formare manovalanza e artigiani qualificati, occupare i giovani (favorendo il coinvolgimento delle donne e delle persone con disabilità) e generare fonti di reddito attivando iniziative socio-imprenditoriali legate al turismo sostenibile e nuove forme di accoglienza. Il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale facilitano e generano inoltre continue occasioni d’incontro e convivenza tra tutte le genti che vivono e convergono in questa Terra scelta e amata da Dio.

Scopri i progetti dell’area Conservazione e sviluppo.

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia