Maggio 2011

L’archeologia, passione ed amicizia come ponte tra culture e religioni .

Osama Hamdan, collaboratore di ATS pro Terra Sancta e della Custodia di Terra Santa sul progetto culturale e sociale di Sebastia, si racconta, spiegando cosa l’ha avvicinato ai francescani e cosa lo lega a questa terra.

Il mio rapporto con la Custodia di Terrasanta a Gerusalemme è iniziato nel 1997 incontrando padre Michele Piccirillo nell’ambito del progetto di restauro di Hisham’s Palace Inizialmente abbiamo cominciato a lavorare senza conoscerci, ma subito è nata una sorta di simpatia ed intesa a partire dal lavoro che facevamo insieme. Alla fine padre Piccirillo mi ha proposto di continuare a lavorare insieme a lui in Palestina. Padre Piccirillo era un archeologo di alto livello ma soprattutto un uomo di una grandezza  umana spettacolare e di una ricchezza culturale unica. Da lui ho imparato questa professione ed ho poi insieme a lui sviluppato l’amore per i beni culturali.

Con Carla Benelli, iniziando a lavorare con il workshop di Hisham’s Palace, presso Gerico, siamo diventati una “squadra” guidata da Padre Piccirillo, che da uomo vivace e molto attivo, facendoci faticare su lavori stupendi ci  trasmetteva guidandoci, energia ed entusiasmo. Erano comunque lavori con un alto coefficiente di difficoltà, ma con il tempo siamo riusciti a realizzare i nostri sogni (almeno nell’ambito della conservazione dei beni culturali).

Ogni volta che padre Michele ritornava in Palestina, ci richiamava a lavorare: “Venite c’è molto da fare!”. Aveva un ruolo culturale fondamentale non solo per l’area palestinese, ma per tutta l’area mediorientale, di cui era massimo esperto.

Nel rapporto con noi ha creato e cambiato qualcosa di stabile e di durevole, sia a livello progettuale e pratico che nelle nostre persone.

A livello progettuale ha lasciato una struttura stabile che tocca a noi continuare; a livello umano e personale ci ha lasciato una grande passione per il restauro e per l’arte, idea che si è concretizzata per esempio in particolare nel mio amore per il mosaico (il cui interesse è, per i critici e i restauratori di questa zona, una novità assoluta). Avevamo un rapporto di vera amicizia, da professore e allievo, condito di diversi sapori e da grande rispetto e fiducia.

Il rapporto con Piccirillo è stato un ponte, un inizio per cominciare un rapporto anche con glia altri frati di Gerusalemme. Dunque, io sono comunque un musulmano anche se laico, non sono un cristiano. Forse inizialmente potevano esserci dei problemi, ma mai Piccirillo mi ha fatto sentire e percepire questa differenza. Io prima di vederlo come religioso, lo vedevo come figura professionale e lo stimavo come professore e studioso. La nostra amicizia, con tutto quello che ne è conseguito, è nata da una passione che lui mi ha trasmesso ed è diventata comune: l’archeologia.

Lui guardava alla qualità delle persone, non alla loro religione, cercava chi fosse disponibile a imparare e di conseguenza lo aiutava. Da questa fiducia nata con Piccirillo è nato il mio rapporto con i frati della Custodia, ed è stata un’occasione d’oro per conoscerli. In questo momento passato e presente di continui conflitti nel paese, questo rapporto è davvero una fortuna per me, perché posso realmente conoscere da vicino il diverso, e c’è rispetto. Passare la serata con alcuni di loro è spesso più interessante che farlo con amici e colleghi, alla fine della serata mi sembra di aver guadagnato qualcosa a livello umano, il che non è affatto scontato.

Io sono un tipo curioso, gli domando il perché delle loro scelte, religiose o meno. Un confronto tra le tradizioni. Anche per alleggerire l’aria pesante di conflitto che spira, noi dobbiamo in qualche modo diventare dei ponti, conoscendo le persone ed aprendoci a loro. Questa è una grande opportunità, la cui base però deve essere la fiducia. Loro mi hanno fatto sentire che hanno fiducia in me come se fossi uno di loro, anche se sono musulmano, per questo io li ringrazio. Credo si siano superate le differenze e li ringrazio perchè per me questo rapporto è un onore.

 

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Sebastia: nuovi spazi per un turismo sostenibile e responsabile (Marzo 2019)

Condividere e dialogare: i corsi di lingua a Gerusalemme, Betania e Sabastiya (Aprile 2018)

Le donne di Samaria oggi (Marzo 2018)

Storia di Ruwaida, ceramista di Nisf Jubeil (Luglio 2017)

Una sola famiglia cristiana a Sebastia (Settembre 2016)

L’arte della ceramica e una nuova guesthouse, per dare speranza a un altro villaggio in Samaria (Ottobre 2015)

Sabastiya, turismo accogliente di comunità (Luglio 2014)

I Consoli italiani di Gerusalemme visitano Sabastiya (Marzo 2014)

Nuova vita per la guesthouse di Sabastiya e per i giovani del villaggio (Gennaio 2014)

Presentazione della Mostra su Sabastiya al Festival Biblico di Vicenza (Giugno 2012)

Storie e impressioni dai ragazzi di Sabastiya (Aprile 2012)

Archeologia in Terra Santa: un libro dedicato a padre Michele Piccirillo (Settembre 2011)

Pellegrinaggi nell’antica Samaria: alla scoperta delle tradizioni cristiane, all’insegna del turismo sostenibile (Giugno 2011)

Sebastia nei testi sacri- scopri le origini bibliche del villaggio restaurato e sostenuto grazie a ATS pro Terra Sancta (Giugno 2011)

Si parla di Sebastia: il progetto ATS Pro Terra Sancta sta gradualmente attirando turisti e pellegrini nella città di Giovanni Battista (Giugno 2011)

L’eredità culturale dei mosaici in mostra a Gerusalemme: grande successo per l’iniziativa sostenuta da ATS pro Terra Sancta (Maggio 2011)

Mosaici in mostra presso l’Al-Quds University di Gerusalemme (Maggio 2011)

I mosaici della Terra Santa: un ponte di tessere attraverso il Mediterraneo (Maggio 2011)

Grande successo per la conferenza su Sebastia organizzata da ATS pro Terra Sancta in Palestina (Aprile 2011)

Il 14 e 15 aprile si svolgerà in Palestina una Conferenza su Sebastia (Aprile 2011)