Dicembre 2010

L’esperienza di due volontari a contatto con le suore di Madre Teresa e il viceparroco di Gaza

gazaQuesta mattina abbiamo accompagnato a Gaza da Gerusalemme Suor Teresina, una delle quattro suore di Madre Teresa, che compiono la loro missione nella Striscia, accudendo i bambini e i ragazzi disabili nella città di Gaza.

Durante il viaggio, Suor Teresina, che proviene da Chennai, una grande città sul mare nella costa orientale dell’India, ci ha raccontato la sua incredibile vita nei luoghi nei quali ha compiuto la sua missione di accudire i più fragili e i più deboli all’interno di contesti sociale disagiati.

Suor Teresina ha iniziato la sua missione in Egitto e in seguito ha continuato la sua missione in Iraq, prima sotto il regime di Saddam e successivamente durante la guerra. Da ormai tre anni, invece, svolge la sua missione insieme ad altre tre suore nella striscia di Gaza, accudendo ragazzi e bambini handicappati. Ci ha molto sorpreso notare la lietezza e letizia di questa donna e la sua gratitudine verso di noi, che le avevamo dato un piccolo aiuto, accompagnandola sino a Gaza.

Al rientro abbiamo accompagnato a Gerusalemme Padre Elias, il viceparroco della Parrocchia di Gaza City. Padre Elias e il parroco, padre Jorge, entrambi argentini, oltre a svolgere il loro compito di pastori ai 250 cattolici presenti a Gaza, si prendono anch’essi cura, come le suore di Madre Teresa, dei disabili in loco.

ATS pro Terra Sancta desidera continuare e soccorrere i cristiani ed in particolar modo i ragazzi disabili di Gaza grazie al progetto “Emergenza Gaza”, che prevede un programma di aiuti per due case di accoglienza per bambini e ragazzi disabili recentemente aperte nella striscia di Gaza e di formare e sensibilizzare adeguatamente sul tema del rispetto  e della tutela dei disabili nella società palestinese. La prima casa di accoglienza, gestita dalla Suore Missionarie della Carità, si prende cura di bambini disabili da 0 a 11 anni. La seconda casa accoglie invece ragazzi adolescenti ed è gestita dai Padri della Comunità del Verbo Incarnato.

Francesco e Rocco,

volontari di ATS pro Terra Sancta.

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

“Portiamo la luce ai cristiani di Gaza”: l’appello del parroco padre Mario Da Silva (Giugno 2017)

“Cosa sono qui a costruire?”: la testimonianza di Alice, volontaria a Gerusalemme (Gennaio 2015)

Sostegno ai cristiani di Gaza: lavoro per i giovani e generatori di elettricità per le famiglie (Gennaio 2015)

Opere di carità a Gaza (Settembre 2014)

“Ecco quello che ho trovato a Gaza”. Continua l’emergenza, i bisogni sono enormi. (Agosto 2014)

Voci da Gaza: le suore del Verbo Incarnato (Luglio 2014)

Per non perdere la speranza: un appello a sostenere gli abitanti di Gaza (Luglio 2014)

Gaza e Siria: le tragedie infinite del Medio Oriente e le voci di chi è sul campo (Luglio 2014)

“Una finestra su Gaza”: un progetto di formazione per giovani giornalisti a Gaza (Dicembre 2013)

Oltre 20 associazioni e gruppi alla sesta Giornata dei volontari pro Terra Santa (Ottobre 2013)

“Farsi carico degli ultimi – accoglienza e formazione”: al via un progetto per aiutare i bambini con problemi nella Striscia di Gaza (Giugno 2013)

Servizio Civile a Gerusalemme: il racconto di Nando al termine di quest’esperienza (Gennaio 2013)

Natale a Gaza, pregando per una vita normale (Dicembre 2012)

Gaza (Novembre 2012)

Padre Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa e Presidente ATS pro Terra Sancta sulla situazione a Gaza (Novembre 2012)

É emergenza nella Striscia di Gaza: il tuo aiuto per sostenere la comunità cristiana (Novembre 2012)

Due racconti dai volontari che hanno passato l’estate a Gerusalemme, impiegati in progetti di ATS pro Terra Sancta (Settembre 2012)

A Roma la quinta Giornata per i Volontari di Terra Santa (Agosto 2012)

A servizio della Terra Santa: la parola ai quattro volontari di Servizio Civile a Gerusalemme (Luglio 2012)

Documentazione, archivio, catalogazione dei beni della Custodia di Terra Santa: il racconto di Nando, volontario a Gerusalemme (Giugno 2012)