Aprile 2015

La preghiera del Papa per la Terra Santa

Riportiamo parte del messaggio Urbi et Orbi di domenica 5 aprile e del Regina Coeli di lunedì 6 aprile 2015 pronunciati dal Santo Padre Francesco.

“A Gesù vittorioso domandiamo di alleviare le sofferenze dei tanti nostri fratelli perseguitati a causa del Suo nome, come pure di tutti coloro che patiscono ingiustamente le conseguenze dei conflitti e delle violenze in corso. Ce ne sono tante!

Pace chiediamo anzitutto per l’amata Siria e per l’Iraq, perché cessi il fragore delle armi e si ristabilisca la buona convivenza tra i diversi gruppi che compongono questi amati Paesi. La comunità internazionale non rimanga inerte di fronte alla immensa tragedia umanitaria all’interno di questi Paesi e al dramma dei numerosi rifugiati.

Pace imploriamo per tutti gli abitanti della Terra Santa. Possa crescere tra Israeliani e Palestinesi la cultura dell’incontro e riprendere il processo di pace così da porre fine ad anni di sofferenze e divisioni.”

“Deve continuare da parte di tutti il cammino spirituale di preghiera intensa, di partecipazione concreta e di aiuto tangibile in difesa e protezione dei nostri fratelli e delle nostre sorelle, perseguitati, esiliati, uccisi, decapitati per il solo fatto di essere cristiani. Loro sono i nostri martiri di oggi, e sono tanti, possiamo dire che sono più numerosi che nei primi secoli. Auspico che la Comunità Internazionale non assista muta e inerte di fronte a tale inaccettabile crimine, che costituisce una preoccupante deriva dei diritti umani più elementari.”

Ricordiamo a tutti il nostro impegno per sostenere l’Emergenza in Siria.

I frati della Custodia di Terra Santa hanno creato in Siria quattro centri di accoglienza, che provvedono ai bisogni più immediati dei più poveri della popolazione: acquisto di cibo, indumenti e coperte. Si cerca anche di tamponare l’emergenza che deriva dall’assenza della sanità pubblica, dispensando medicine e provvedendo all’assistenza medica fondamentale, specialmente attraverso l’ospedale di Aleppo gestito dalla Custodia e i dispensari medici dei monasteri francescani. Tramite Associazione pro Terra Sancta anche tu puoi essere al fianco dei frati in Siria.

Scopri come aiutare anche tu i frati francescani in Siria.

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Approfondimenti: Le celebrazioni cristiane in Terra Santa (Marzo 2019)

Insieme per ridare un nome e un futuro alla Siria. Intervista a Mons. Abou Khazen (Novembre 2018)

Racconto di un viaggio in Siria. Ultima tappa: Aleppo tra polvere e macerie, ma tanta voglia di ricominciare (Ottobre 2018)

UN NOME E UN FUTURO (Aprile 2018)

IN SIRIA, NOI NON CI ARRENDIAMO (Marzo 2018)

Siria: Mons. Abou Khazen sulla situazione a Damasco (Marzo 2018)

“40 colpi di mortaio in un solo giorno. Centinaia di feriti”: Ayham, di ATS pro Terra Sancta racconta la tragedia di Damasco (Febbraio 2018)

Aleppo: ricuciamo le ferite dei piccoli siriani (Febbraio 2018)

Ricordando il Natale: Il dono dei francescani ai bambini di Aleppo (Gennaio 2018)

Fede, speranza e carità ad Aleppo. Ultima tappa del nostro viaggio in Siria (Novembre 2017)

Oasi di carità a Damasco. Prima tappa del nostro viaggio in Siria (Ottobre 2017)

Una casa per Aleppo (Ottobre 2017)

Aggiornamenti dalla Siria: “Torniamo a casa, ma non è ancora finita!” (Luglio 2017)

GREST 2017: con la parrocchia, ancora vicini alla Siria (Giugno 2017)

Testimonianze dalla Siria: Suor Iole, la missionaria di speranza a Damasco (Maggio 2017)

Sei anni di guerra in Siria e l’instancabile impegno di ATS pro Terra Sancta a fianco della popolazione (Marzo 2017)

Aleppo si rialza (Febbraio 2017)

Con i nostri occhi il dramma di Aleppo (Ottobre 2016)

“La carità è il primo comandamento”: la testimonianza dei Centri Estivi di Aleppo (Luglio 2016)

Aggiornamenti dalla Siria: cosa rimane del 2015 e come affrontiamo il nuovo anno (Gennaio 2016)