Settembre 2012

Sabastiya vi aspetta… a Crespellano!

Dopo essere stata esposta all’Università Cattolica di Milano, in Palazzo Medici Riccardi a Firenze e sotto le Logge del Capitaniato a Vicenza, la mostra “Sabastiya, i frutti della storia e la memoria di Giovanni Battista” approda nella “piccola” Crespellano, organizzata dalla Parrocchia di San Savino ed ospitata, dal 15 al 30 settembre, sotto le volte della quattrocentesca chiesa di San Rocco.

Testimonianza dell’impegno profuso da ATS Pro Terra Sancta nella conservazione e nella valorizzazione del patrimonio culturale dell’antica capitale del regno israelita del nord, la mostra racconta, attraverso l’esposizione dei risultati conseguiti dalla missione archeologica della Custodia di Terra Santa, il grande passato di quello che è attualmente un piccolo villaggio della Palestina, situato poco lontano da Nablus. Ma anche la sua attualità.

Sabastiya, fondata da Erode il Grande nel 25 a.c. sul sito dell’antica Samaria, conserva vestigia di età ellenistica, romana e bizantina ma soprattutto la memoria della tomba di Giovanni il Battista, ricordata in situ per la prima volta ai tempi della persecuzione attuata contro i Cristiani da Giuliano l’apostata nel 361 – 362.

Al di fuori delle mura della città, sopra una tomba già venerata in precedenza,  durante il periodo bizantino venne edificata una piccola chiesa sostituita quindi, nel 1145 dalla grande basilica crociata, seconda per dimensioni solo a quella del Santo Sepolcro, che sarà trasformata poi in moschea.

Questa però è soltanto una piccola parte della storia. L’altra, la più importante, che le dure pietre calcaree con le quali fu costruita la città non riescono a narrarci, è una storia ben più importante. É la storia di una eredità comune che ci deve spingere al rispetto ed alla comprensione reciproca, è la storia di un luogo di culto condiviso dai cristiani, che vi hanno onorato il Precursore, e dai musulmani, che vi hanno onorato il profeta Yahia, così come viene nominato il Battista nell’Islam; è una storia …  per il finale, però, vi attendiamo in San Rocco.

Sabastiya vi aspetta …

Dal 15 al 30 settembre 2012 – Chiesa di San Rocco, Via Marconi – Crespellano (BO)

*** 

Inaugurazione            sabato 15 settembre 2012: ore 20.45

Orario di visita           dal lunedì al venerdì: ore 16:30 – 19:30

                                   sabato e domenica: ore 09:30 – 12:30 / 16:30 – 22:30

***

In allegato la locandina!

Notizie correlate:

Sebastia: nuovi spazi per un turismo sostenibile e responsabile (Marzo 2019)

Storia di Ruwaida, ceramista di Nisf Jubeil (Luglio 2017)

Rami di Nisf Jubeil (Maggio 2017)

Il tuttofare di Sabastiya che vuole portare il bello a tutto il paese (Marzo 2017)

Una sola famiglia cristiana a Sebastia (Settembre 2016)

Un corso di ceramica per i ragazzi palestinesi: dal patrimonio archeologico allo sviluppo locale (Aprile 2015)

Sabastiya: inaugurata la nuova guesthouse, all’insegna del turismo solidale (Ottobre 2014)

Imparare l’accoglienza: terminato il corso di lingua italiana a Sabastiya, parlano i protagonisti (Agosto 2014)

Sabastiya, turismo accogliente di comunità (Luglio 2014)

Imparare l’italiano a Sabastiya (Maggio 2014)

I Consoli italiani di Gerusalemme visitano Sabastiya (Marzo 2014)

Nuova vita per la guesthouse di Sabastiya e per i giovani del villaggio (Gennaio 2014)

Sabastiya: una nuova guida per raccontare la storia e la bellezza del villaggio della Samaria (Marzo 2013)

Un libretto per raccontare ai bambini di Sabastiya la storia del loro villaggio (Novembre 2012)

Sabastiya (Novembre 2012)

Un seminario per chi guida i pellegrinaggi in Terra Santa (Novembre 2012)

Sabastiya, i frutti della storia e la memoria di Giovanni Battista (Novembre 2012)

Molti visitatori per la mostra su Sabastiya a Crespellano, che continua fino al 30 settembre (Settembre 2012)

Sabastiya: terminato con una festa il corso di italiano per i ragazzi del villaggio (Agosto 2012)

Ricordare un proprio caro con un gesto di solidarietà in favore del progetto di Sabastiya (Luglio 2012)