Dar Al-Majus Community Home

Palestina/Betlemme

CONTESTO & OBIETTIVO

Associazione pro Terra Sancta desidera contribuire al miglioramento delle condizioni di vita economiche e culturali della popolazione palestinese. Il progetto vuole recuperare e valorizzare un immobile abbandonato e in stato di degrado nella città antica di Betlemme a pochi passi dalla Chiesa della Natività per avviare il centro La Casa dei Magi, in arabo Dar Al-Majus Community Home. Questa realtà ha lo scopo di migliorare i servizi di tutela dei giovani e delle donne in un contesto come quello del Governatorato di Betlemme dove il conflitto permanente e la limitata libertà di movimento generano una precaria situazione economica e un clima di tensione sociale. Ciò comporta un aumento del tasso di disoccupazione e ad avere un terzo della popolazione affetta da disagio psicosociale. In particolare, i giovani e le donne rappresentano la fascia più vulnerabile in quanto raramente beneficiano di un accesso equo alle opportunità lavorative, e per questa ragione rimangono ai margini della società e senza una reale prospettiva sul futuro. Per rispondere a questo problema, nasce Dar Al-Majus come spazio di incontro e di sostegno concreto. Il progetto si propone infatti di creare un luogo dove ogni persona sarà accolta e seguita da vicino all’interno del centro, suddiviso in tre aree di supporto:

  • Area di ascolto e sostegno dove operatori sociali esperti offrono servizi di ascolto, supporto psicologico e orientamento ai giovani.
  • Area formazione professionale e aiuto al lavoro dove si offre servizio di orientamento e accompagnamento al lavoro e uno spazio di coworking per giovani desiderosi di avviare una nuova attività.
  • Area centro culturale dove si promuovono attività culturali con lo scopo di risvegliare la creatività nei più giovani e sensibilizzarli verso il proprio patrimonio storico-culturale.

Il centro vuole essere dunque un punto di novità all’interno della società, vittima di un lungo conflitto ancora in corso, proponendo un centro aperto all’intera comunità locale senza distinzioni di religione, etnia, sesso ed età.

ATTIVITA’

  • Ristrutturazione e allestimento del centro.
  • Ascolto, orientamento e supporto psicologico ai giovani.
  • Corsi di formazione per artigiani e di musicoterapia per operatori e assistenti sociali.
  • Insegnamento lingue straniere.
  • Attività culturali e itinerari formativi storico artistici con al centro la bellezza.
  • Orientamento e accompagnamento al lavoro e affiancamento a giovani con piccole attività nel campo dei servizi e sviluppo di innovazione.

BENEFICIARI

  • Persone locali coinvolte per la ristrutturazione del centro.
  • Giovani in difficoltà con studio e ricerca del lavoro.
  • Giovani e donne che utilizzano lo spazio di coworking e servizi per lo sviluppo attività.
  • Educatori, assistenti sociali, artigiani che partecipano a corsi di formazione.
  • Ragazzi coinvolti nelle attività culturali.

Dar Majus Community home

Il racconto di Vincenzo Bellomo, responsabile dei progetti di Associazione pro Terra Sancta a Betlemme, uno dei principali promotori del progetto.

Vincenzo, che cosa è il Dar Al Majus Community Home?

Per me personalmente, si tratta innanzitutto della realizzazione di un sogno e di un impegno di 13 anni a Betlemme. Un regalo inaspettato per la sua bellezza e grandezza, che la Provvidenza ha voluto fare alla comunità di Betlemme, così provata dalle tensioni. Da anni cercavamo di dare forma ad un luogo che potesse rispondere alle esigenze della comunità, dove raccogliere le tante attività, incoraggiare il dialogo tra coloro che sono rimasti e che allo stesso tempo potesse mostrare a chi lo visita (i pellegrini in particolar modo), il vero volto di questa città.

Dar Al Majus in arabo significa “Casa dei Re Magi”, perché dai Magi – i primi che si sono recati in viaggio per venire qui incontro alla Salvezza – vogliamo trarre ispirazione. Innanzitutto vogliamo recuperare la bellezza del viaggiare, il viaggio insieme verso la speranza, ma anche la bellezza del viaggio di chi viene qui. Poi c’è il concetto del dono, il dono di sé, la condivisione e l’annuncio della bellezza del fatto cristiano che qui è accaduto, ha preso forma umana. E poi c’è un discorso di accoglienza, come i Magi hanno accolto Gesù, così vogliamo fare noi in questo luogo, accogliere ciascuno come Gesù in persona: Dar Al Majus è una casa aperta a tutti, dove verranno offerte anche varie opportunità a livello formativo.

Al piano terra ci sarà uno spazio dedicato alla storia e alla cultura di Betlemme. Sarà una parte dedicata a iniziative culturali e di incontro, con l’obiettivo di raccontare la storia della Natività, ma anche della convivenza e della bellezza dell’annuncio cristiano custodita dalle comunità vive. Uno spazio dove verrà mostrato come la storia della Salvezza si incarna in alcune attività di uomini all’opera. Qui vogliamo raccontare e sperimentare l’incarnazione all’opera insomma. Sarà aperto a tutti e permetterà ai pellegrini in visita alla Basilica della Natività, di entrare ancor di più in questa realtà. Allo stesso tempo gli abitanti di Betlemme potranno acquisire più coscienza della loro storia e rendersi conto dell’enorme patrimonio di cui sono custodi. Speriamo che il recuperare questa coscienza possa aiutare chi è rimasto a riacquistare solidità e fiducia nel futuro. Al primo piano invece ci saranno vari spazi dedicati in particolar modo ai giovani, alle donne e a chi è svantaggiato. Ci saranno aree di co-working, consulenze per orientamento al lavoro, ma anche luoghi di ascolto e sostegno psicologico, spazi di formazione e moltissime altre attività di tipo culturale. Verrà lasciato molto campo alle iniziative dei giovani perché in questo momento per la maggior parte si trovano persi e confusi, senza aspirazioni e con un grande senso di frustrazione. Ovviamente per arrivare al primo piano bisogna passare dall’area di cui parlavo prima, quella che racconta la storia della Salvezza incarnata oggi e per me è molto significativo, perché quello è il cuore di tutte le attività, nonché il punto di incontro.

SOSTIENI DAR AL-MAJUS COMMUNITY HOME

Dona subito online con CARTA DI CREDITO o PAYPAL compilando il modulo!

 

Oppure puoi donare con BONIFICO BANCARIO accedendo direttamente al tuo conto corrente per dare il tuo sostegno a:

ASSOCIAZIONE PRO TERRA SANCTA
Banca Popolare Etica
IBAN: IT 56 R 05018 12101 000014400444
BIC CODE: CCRTIT2T84A

 

Puoi andare in Posta e compilare un BOLLETTINO POSTALE con questi dati:

intestazione: ASSOCIAZIONE PRO TERRA SANCTA
conto corrente postale n. 1012244214

 

Vuoi ricevere un promemoria con questi dati per effettuare la tua donazione?

 

 

 

 

email whatsapp telegram facebook twitter