Un luogo per ricominciare: sostegno a bambini e giovani colpiti dalla guerra

Siria/Aleppo

CONTESTO & OBIETTIVO

Il progetto ha l’obiettivo di sostenere i giovani e i bambini di Aleppo che sono tra i più colpiti dalla guerra in Siria. La maggior parte di loro presentano traumi, difficoltà relazionali, perdita della parola, hanno comportamenti violenti e fanno abuso di sostanze stupefacenti.

Un’intera generazione è stata dunque profondamente segnata dalla piaga della guerra e c’è profonda preoccupazione per questi ragazzi che saranno, un giorno, il futuro del paese. Proprio per loro i frati francescani con il sostegno di Associazione pro Terra Sancta hanno deciso di aprire un centro di riabilitazione, il Franciscan Care Center, presso il Terra Sancta College di Aleppo con lo scopo di rispondere positivamente a uno dei tanti bisogni della società. Qui ciascun bambino è seguito in modo attento da una équipe di psicologi ed educatori nel loro percorso di riabilitazione attraverso varie attività terapeutiche come sport, arte, cultura e supporto psicologico. I bambini svolgono le attività nel pomeriggio divisi per età in gruppi negli spazi adibiti nel centro (campi sportivi, sala della musica, dell’arte ecc..).  L’obiettivo principale dell’associazione è permettere a questi ragazzi di scoprire le proprie abilità personali senza che i traumi subiti diventino un ostacolo alla loro crescita. La riabilitazione è poi rafforzata dalla collaborazione tra lo staff del centro, i familiari del bambino e gli insegnanti delle scuole che collaborano insieme per verificare i miglioramenti o nuovi disturbi che emergono.

Nel centro vengono inoltre coinvolti migliaia di ragazzi senza distinzione di cultura e religione a cui sono offerte attività motorie e ricreative presso strutture nel terreno adiacente il convento francescano.

ATTIVITA’

  • Sostegno dei bambini affetti da traumi presso il Franciscan Care Center attraverso un percorso di riabilitazione.
  • Attività sportive e motorie per giovanni adolescenti.

BENEFICIARI

  • Le famiglie coinvolte attraverso meeting mensili con lo staff del centro.
  • I bambini seguiti all’interno del centro.

Un luogo per ricominciare

 

Da una testimonianza di fra Firas Lutfi, promotore dell’iniziativa.

 Al posto di studiare e giocare, imparare arte e musica, i bambini siriani hanno perso a causa della guerra tutti i mezzi per una crescita normale e dignitosa. Invece di divertirsi e giocare devono rinchiudersi dentro casa per paura di uscire perché morte o mutilazione li attende fuori o dentro la stessa casa. Paura e stress, soffrire la fame e la sete, la perdita di un parente o compagno di scuola. Eppure, siamo nati per vivere, per godere la vita e per gioire. Davanti alla fame, alle guerre, e al dramma della sofferenza degli innocenti, non basta domandarsi “perché” tutto questo, ma “come” far sì che cessino e non procurino più male o cosa posso fare io davanti a tutto ciò? Centinaia di bimbi sono nati durante la guerra nella zona di Aleppo Est, la parte più colpita della città. Nessuno riconosce la loro esistenza perché considerati figli dei terroristi (frutto di un seme cattivo che dovrebbe essere eliminato!). Esistono fisicamente, ma non sono riconosciuti all’anagrafe. Molti sono mutilati e sfigurati. Tanti sono orfani che vivono dai nonni oppure minorenni che devono badare ai loro fratelli ancora più giovani.

Che cosa potevo fare io? Non sapevo da dove iniziare. La complessità del dramma intorno a me supera le mie forze.

Continua a leggere...

Insieme a una mia amica Dr. Binan, una tra i pochi psicologi rimasti ad Aleppo, abbiamo studiato il primo progetto di “arte terapeutica” nel Franciscan Care Center; un mezzo per curare i traumi e le ferite più nascoste, mediante l’arte, la musica, lo sport, il teatro e altre attività. Questo centro è pensato come risposta all’emergenza psicologica dei bambini affetti da gravi disagi e stress nati dentro un contesto molto complesso e tragico. Dunque, non un trattamento psicologico classico, ma per dare spazio allo sviluppo di talenti sportivi e artistici. È una cura mediante la bellezza. Accanto a una struttura resa disponibile per diverse attività per questo obbiettivo, sono stati realizzati tre campi da gioco (due da calcio e uno di pallacanestro). Nel primo giorno di apertura, si erano registrati presso il centro, circa 500 bambini, tra i 7 e i 17 anni. A distanza di un anno sono più di 2000. Desidero ribadire che tutto ciò che ho realizzato, non è perché sono un eroe o spinto dalla voglia di fare. Il vero motivo che mi ha spinto a reagire al dramma è come posso “essere prossimo” a chi soffre, a prescindere dalle infinite domande sui perché della sofferenza. Credo molto nel proverbio che dice: “Invece di maledire le tenebre, accendi tu una lucerna!” Infine, non bisogna sempre pensare a fare grandi mosse o progetti per aiutare: la carità non si misura nella quantità ma nella qualità.
 

 

DONA PER ALEPPO

Dona subito online con CARTA DI CREDITO o PAYPAL compilando il modulo!

 

Oppure puoi donare con BONIFICO BANCARIO accedendo direttamente al tuo conto corrente per dare il tuo sostegno a:

ASSOCIAZIONE PRO TERRA SANCTA
Banca Popolare Etica
IBAN: IT 56 R 05018 12101 000014400444
BIC CODE: CCRTIT2T84A

 

Puoi andare in Posta e compilare un BOLLETTINO POSTALE con questi dati:

intestazione: ASSOCIAZIONE PRO TERRA SANCTA
conto corrente postale n. 1012244214

 

Vuoi ricevere un promemoria con questi dati per effettuare la tua donazione?

 

 

 

 

email whatsapp telegram facebook twitter