Maggio 2018

5 x Mille per l’educazione: l’esempio di due ragazze di Betlemme

Jameela e Reem, sono due cugine di 15 anni che frequentano la scuola femminile Saint Joseph Terra Santa School for girls a due passi dal centro storico di Betlemme. Jameela e Reem sono solo due delle 238 ragazze di questo istituto che godono di un aiuto per pagare la retta annuale grazie all’aiuto di ATS pro Terra Sancta attraverso i fondi del 5 x Mille e delle adozioni a distanza. Loro, come tanti altri coetanei della città dove Gesù è nato, vivono un forte disagio familiare (alcool, violenza domestica, droga, separazione, disoccupazione) per questo necessitano di un costante aiuto sia per l’educazione sia per vivere in strutture d’accoglienza.

La storia di queste due ragazze, che sognano di diventare, una avvocato e l’altra dottore, è, infatti, legata ad un angelo che li protegge. Si chiama suor Stephany ed è direttrice della Home of peace di Betlemme, una struttura d’accoglienza che ospita 29 ragazzi palestinesi cristiani orfani e con gravi problemi familiari, proprio al confine fra i territori. Lei da 19 anni in Terra Santa, insieme ad altre due suore di Santa Elisabetta, ogni giorno accoglie come una madre i suoi ragazzi quando ritornano da scuola. “L’importante è fornire tutto il necessario per farli sentire in famiglia” aggiunge la madre, non solo pasti e un letto ma anche un’ulteriore assistenza scolastica attraverso quattro insegnanti e alcuni volontari a cui si aggiunge un quotidiano aiuto spirituale e psicologico. “Per me – aggiunge la suora – è fondamentale capire cosa vogliono davvero nel loro futuro”.

Grazie agli aiuti che questi ragazzi ricevono negli studi, alcuni di loro, terminato il Terra Sancta School o il Saint Joseph, frequentano l’università in Polonia o altri hanno già messo su famiglia.

Così suor Stephany non è solo una madre ma anche una “nonna” per questi ragazzi. Spesso le famiglie sono invitate a partecipare alle attività di questa piccola istituzione o vengono per chiedere e ricevere consigli. “L’educazione è importantissima e non si impara solo dai libri ma anche in famiglia” conclude la madre, per questo è favorevole affinchè i ragazzi possano incontrarsi con i loro i genitori, visto che “talvolta succede che, anche con l’aiuto di Dio, alcuni problemi anche grossi si risolvono”.

Il 5 x Mille, l’istruzione e le cure di queste suore permette di far vivere questi ragazzi, come Jameela e Reem, nella loro difficile terra come in una Casa di Pace così come dovrebbe essere la Terra Santa.

Scopri come donare il tuo 5xMille alla Terra Santa!

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Acqua pulita per le famiglie più bisognose di Betlemme (Settembre 2019)

Un graffito di speranza per la Società Antoniana di Betlemme (Settembre 2019)

Incontrarsi con la musica a Betlemme (Luglio 2019)

Betlemme: la piccola May torna a vedere (Aprile 2019)

Il turismo che fa (del) bene: l’esperienza della Guesthouse Dar Al Majus di Betlemme (Aprile 2019)

Betlemme: dopo 2000 anni, la bellezza e la semplicità di un evento che ha cambiato l’umanità (Dicembre 2018)

“Voglia di acqua” a Betlemme: nuove cisterne di acqua in regalo a Rana e alla sua famiglia (Dicembre 2018)

Ricomincia la scuola a Betlemme! (Settembre 2018)

Le mani e il cuore di Mattia, fiositerapista volontario a Betlemme (Marzo 2018)

Nuovo indirizzo tecnologico del Terra Sancta School di Betlemme: una scommessa all’avanguardia (Marzo 2018)

Natale a Betlemme: i volti di un presepe vivente (Dicembre 2017)

Natale a Betlemme: i piccoli segni di una speranza grande (Dicembre 2017)

Al Campo dei Pastori con fra Josè Maria. Per essere “un po’ pastori e un po’ angeli” (Novembre 2017)

Un servizio per tutta la vita. In Terra Santa con i ragazzi del Servizio Civile Nazionale (Novembre 2017)

Il lavoro di Naila, assistente sociale a Betlemme (Agosto 2017)

Estate a Betlemme: per crescere insieme con la musica (Agosto 2017)

Il “Summer Camp” a Betlemme (Luglio 2017)

Betlemme: il 5xmille di Associazione pro Terra Sancta che porta l’acqua in casa (Aprile 2017)

A lezione con l’Arab Institute di Betlemme: “Non basta conoscersi e interessarsi, ma si deve anche valorizzare l’altro” (Febbraio 2017)

Incontro, buona cucina e la bellezza delle piccole cose: le donne di Betlemme ripartono anche da qui (Febbraio 2017)