Luglio 2019

A Betlemme, dove il mosaico si fa scuola

All’interno del progetto in corso, “Nuovi mosaicisti per Betlemme”, finanziato dalla Provincia di Trento e implementato dall’Associazione pro Terra Sancta, è stato proposto ai cittadini di Betlemme, in particolare a quelli che abitano la Star Street una serie di incontri culturali e giri turistici nella città vecchia nei quartieri Tarajmeh e Heirizat. Facendo un breve excursus la “Strada della stella” è l’antica strada che Giuseppe e Maria percorsero alla ricerca di un luogo dove far nascere Gesù portandoli fino alla mangiatoia. Come testimonia l’evangelista Luca, per un decreto di Cesare Augusto, Maria e Giuseppe giunsero a Betlemme per il censimento.
Le case in pietra bianca di questa strada un tempo erano il centro della comunità cristiana di Betlemme e luogo di passaggio per i pellegrini che da Gerusalemme raggiungevano la Piazza della Mangiatoia e la Grotta della Natività. Oggi molti delle abitazioni sono abbandonate, le terrazze un tempo non erano costellate dalle tante taniche di acqua per l’emergenza idrica ma da volti cristiani e musulmani che condividevano la quotidianità. Con le tante emigrazioni negli Stati Uniti e Sud America delle famiglie cristiane palestinesi, oggi sembra che la “fiammella” di vita e di storia rischi di spegnersi.

Proprio per questo noi di Associazione pro Terra Sancta stiamo organizzando in collaborazione con il “Centre for Cultural Heritage Preservation (CCHP)- Dar AlSabagh Centre for Diaspora Studies and Research (DSCD)” tre eventi. Comunicare e far rinascere il senso di appartenenza partendo dalla propria storia con uno sguardo alla tradizione e all’arte palestinese, ai siti archeologici e anche alla propria identità, vogliono essere i punti di partenza di questa proposta. Pensiamo che l’importanza economica e sociale di questo posto passi da una presa di coscienza del proprio patrimonio culturale creando così possibilità di crescita e lavoro.

Il primo dei tre appuntamenti si è tenuto martedì 25 Giugno presso il centro Dar AlSabagh all’inizio della Star Street e ha visto una buona risposta dei cittadini di Betlemme. Il Professor Khalil Shoken, direttore del centro, ha presentato alcune letture storico antropologiche delle famiglie dei quartieri Tarajmeh e Heirizat sottolineando come alcuni ceppi familiari a causa del conflitto non esistono più nella Star Street. Famiglie giovani e anziani hanno avuto modo di ascoltare e confrontarsi sull’origine storica di un patrimonio, centro di importanza che merita attenzione per non essere perso. Vincenzo Bellomo, Responsabile d’Associazione a Betlemme è intervenuto presentando i punti principali del progetto e ricordando che “la bellezza da preservare di questa terra, vuole essere ancora una volta per noi di Associazione pro Terra Sancta una condivisione quotidiana e non distaccata”. Un intervento che ha origine da un camminare insieme con chi ne ha più bisogno con semplicità.

Abbiamo tutti insieme respirato un clima di vicinanza, incontro e speranza. Crediamo che solo con questi piccoli passi la vita che scorre in questi quartieri e nei vicoli di queste strade possa riprendere forma in un interesse alla bellezza storica e umana, partendo da chi ancora oggi abita Betlemme. Betlemme dall’arabo “Beit Lahm” “Casa della Carne” è testimonianza di un avvenimento e deve risuonare per noi cristiani di tutto il mondo come casa che ci appartiene, come luogo fisico e intimo da conservare”.

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Approfondimenti: Le celebrazioni cristiane in Terra Santa (Marzo 2019)

Incontro, buona cucina e la bellezza delle piccole cose: le donne di Betlemme ripartono anche da qui (Febbraio 2017)

Sforniamo talenti: il progetto “Bethlehem Flour” per le donne di Betlemme (Giugno 2016)

Una boccata d’ossigeno per gli anziani di Betlemme (Maggio 2016)

Betlemme: una nuova macchina per il LifeGate Rehabilitation Centre (Aprile 2016)

“Qui tutti siamo nati”, il documentario sugli anziani in versione integrale (Dicembre 2015)

Qui tutti siamo nati: un documentario sugli anziani protagonisti della storia di Betlemme (Novembre 2015)

Le anziane, i poveri, e tutta la comunità di Betlemme piangono la scomparsa di Suor Immacolata (Agosto 2015)

Giovanni Caccamo in concerto per la Terra Santa (Giugno 2015)

Il personaggio del mese: Naila, Assistente Sociale a Betlemme (Maggio 2015)

A Betlemme, una giornata tipo degli anziani al centro diurno della Società Antoniana (Maggio 2015)

Video: La vita nella città vecchia di Gerusalemme (Aprile 2015)

Problema dell’acqua, un aiuto concreto a Betlemme: nuove cisterne (Febbraio 2015)

Betlemme: delegazione dell’Holy Land Coordination in visita agli anziani della Società Antoniana (Gennaio 2015)

I musicisti dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia suonano per la Terra Santa: Ruggiero, violinista dell’Accademia, racconta come è nata l’idea (Ottobre 2014)

Giordania: aiuto ai rifugiati cristiani (Giugno 2014)

Dalla Sicilia a Betlemme, francescani in aiuto dei più poveri (Aprile 2014)

“A Betlemme, come ovunque nel mondo, Gesù ha il volto di chi soffre”. L’esperienza di Nicoletta insieme alle anziane di Betlemme. (Gennaio 2014)

Cento anziani di Betlemme alla festa natalizia, insieme al parroco e a tanti amici (Dicembre 2013)

Essere vicini agli anziani di Betlemme: la Caritas Antoniana a fianco di ATS pro Terra Sancta (Novembre 2013)