Apre a Betlemme la “Baby Jesus guest house”

email whatsapp telegram facebook twitter

Incastonato su una collina sulle alture che circondano Betlemme, l’edificio della Società Antoniana è una di quelle oasi un po’ nascoste ma suggestive della cittadina in cui Gesù è nato. La struttura ospita un ospizio per anziani e, poco distante, un piccolo asilo. È in questa realtà, in un’ottica di condivisione e solidarietà, che l’Associazione pro Terra Sancta ha appena aperto la “Baby Jesus guest house” per ospitare i pellegrini che visitano il luogo nel quale Dio si è fatto uomo.

L’idea è di invitare chi passa da questa terra, accogliente ma sofferente, a incontrare e conoscere non solo le pietre delle chiese e delle basiliche, ma anche le “pietre vive”, i cristiani di Terra Santa. “Abbiamo dieci camere, ognuna con un bagno proprio, e possiamo accogliere fino a 25 persone” dice Eli, uno dei volontari che si occupa di gestire la guest house.  “Questo non è semplicemente un luogo dove dormire – spiega Giusy, l’altra volontaria che si occupa della guest house – è un’occasione per mettersi alla prova, per servire una realtà difficile come quella degli anziani di Betlemme, ma è anche un’esperienza spirituale: c’è una cappella dove pregare e dove meditare”.

Scegliere come luogo di sosta questa guest house significa contribuire al progetto “Betlemme è anche anziana”, conoscere la realtà degli anziani di Betlemme e, per chi vuole, prendersi anche un momento per portare il proprio aiuto diretto a questa realtà.Gli anziani della Società Antoniana, che vivono nello stesso complesso in cui si trova la guest house, sono spesso soli, abbandonati e senza risorse.

Grazie al supporto di Associazione pro Terra Sancta e di tanti amici e donatori, possono condurre una vita dignitosa e trascorrere in serenità questo tempo della loro vita. Invitiamo tutti gli Amici pro Terra Sancta a venire e a fare questa esperienza di viaggio, di pellegrinaggio, ma anche di immersione nella realtà locale, per tornare con un bagaglio arricchito non solo dalla visita ma anche da una forte esperienza di vita.