Febbraio 2019

Betania: “La cultura del dialogo come via”

“Adottare la cultura del dialogo come via, la collaborazione comune come condotta, la conoscenza reciproca come metodo e criterio”. A Betania, le parole del Papa nel documento firmato insieme al Gran Imam Al Azhar ad Abu Dhabi sono la realtà. Qui tre diverse confessioni (comunità cattolica, ortodossa e islamica) non solo convivono pacificamente, ma collaborano insieme. Infatti, sebbene la gran parte dei cittadini di Betania siano musulmani e i cristiani una piccola minoranza, vi è un grande rispetto per la tradizione cristiana della risurrezione di Lazzaro, tanto che il nome arabo della città è appunto Al-Eizariya (città di Lazaro).

Nella recente visita che l’autorità islamica ha effettuato del il sito francescano durante i lavori di restauro degli edifici e dei mosaici, l’imam ha ricordato che anche nel Corano viene raccontata la storia di Lazzaro e il miracolo compiuto da Gesù.  Non si tratta del primo incontro interreligioso, a Betania: durante il mese di Ramdan, ogni anno la comunità musulmana invita i cristiani ed i francescani a partecipare ad un iftar, il pasto in condivisione dopo il digiuno. Momenti di condivisione per conoscersi meglio l’un l’altro. Durante l’incontro le autorità della moschea hanno molto apprezzato i lavori di conservazione di un patrimonio storico e artistico che appartiene a tutta la comunità. La Custodia di Terra Santa insieme ad ATS pro Terra Sancta e al Mosaic Centre sta cercando di rendere il sito più fruibile per i turisti e i pellegrini che vengono a visitare la tomba. La città, che è stata fortemente penalizzata dalla difficile situazione politica, vuole ripartire dalle origini e dal suo legame con la trazione cristiana.

“L’importanza di questo progetto è di accrescere il turismo nella città creando opportunità di lavoro, in particolare per le donne” ci dice Afaf Faraon, membro del consiglio comunale della città, si occupa di pari opportunità e di sostegno per le donne realizzando programmi educativi, attività ed eventi. Asaf ha deciso di dedicarsi alla politica per portare avanti i diritti delle donne nelle istituzioni: “Solo attraverso la partecipazione, possiamo davvero cambiare le cose.” Ci racconta come anche per lei, donna musulmana, Marta e Maria, le sorelle di Lazzaro, siano parte del patrimonio storico e culturale della città. “La loro accoglienza e ospitalità e il legame con la terra sono un esempio ancora oggi per le donne di Betania”. La produzione di olio di oliva e di nardo, ed il sapone sono attività che le donne a Betania compiono da secoli “ed è importante sostenere attività che portano avanti queste tradizioni come l’associazione Shorouq” continua Afaf. Shouruq è un’associazione di donne che produce sapone e olii naturali, cucina per la mensa scolastica e porta avanti un’attività di cucito e ricamo. “Il fatto che tante donne lavorino insieme portando avanti passione e tradizione è molto importante per far conoscere Betania ai tanti pellegrini cristiani e non solo che vengono a visitare la città”.

Scopri di più sul progetto!

SOSTIENI LE NOSTRE ATTIVITÀ

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Il grande insegnamento che arriva da Betania: “lavoriamo insieme per una casa comune” (Agosto 2019)

Approfondimenti: Le celebrazioni cristiane in Terra Santa (Marzo 2019)

Scuole di Terra Santa: quei luoghi dove ancora oggi continua l’incontro tra San Francesco e il Sultano (Febbraio 2019)

Donne al lavoro: la Betania che cresce (Luglio 2018)

Accesible Palestine: una visita virtuale alla Tomba di Lazzaro a Betania (Maggio 2018)

Condividere e dialogare: i corsi di lingua a Gerusalemme, Betania e Sabastiya (Aprile 2018)

Torino e Betania, insieme per restaurare (Gennaio 2018)

Camminare per la Terra Santa (Gennaio 2018)

Summer Camp Betania: patrimonio e identità in un disegno (Settembre 2017)

Betania “casa dell’amicizia”: un’iftar d’eccezione nel convento dei francescani (Giugno 2017)

Festival “Sotto la torre”a Betania: per coinvolgere tutta la comunità nella conservazione per uno sviluppo futuro (Maggio 2017)

La seconda resurrezione di Betania: un progetto per far rinascere il paese tanto caro a Gesù (Novembre 2016)

Terra Sancta Museum: che lo spettacolo abbia inizio! (Febbraio 2016)

Aleppo, colpita la chiesa che trema ma non crolla. Frate Ibrahim: “La Madonna ci ha protetti” (Ottobre 2015)

Scavi archeologici a Betania, sul luogo della risurrezione di Lazzaro (Settembre 2015)

Nel messaggio di Natale, Papa Francesco ricorda i rifugiati di Siria e Iraq (Dicembre 2014)

Betania, città di Lazzaro (Luglio 2014)

ATS Pro Terra Sancta e la Custodia di Terra Santa (Luglio 2010)

Striscia di Gaza – Sostegno ai cristiani (Giugno 2010)

Ponti per la Pace (Gennaio 2010)