Ottobre 2012

Con il naso all’insù: la prima classe di ragazzine in visita alla Basilica del Getsemani

Una quarantina di ragazzine con la divisa scolastica si avvicinano curiose alla chiesa, sbirciano dal portone socchiuso, osservano gli scavi dell’area archeologica esterna, rimangono incantate dagli enormi ulivi millenari del giardino. Sono eccitate per questa gita inconsueta, che per la prima volta le porta a visitare la Basilica del Getsemani, così vicina alla loro scuola eppure mai visitata prima.

Da qualche mese questa chiesa ospita un cantiere: vi è in corso infatti un intervento di restauro dei mosaici delle volte interne, che procederà poi con il restauro della facciata, del tetto e del pavimento. Ma si sta realizzando allo stesso tempo un corso di formazione per cinque ragazzi locali, che piano piano stanno imparando dalle mani esperte dei loro formatori la tecnica e l’arte del mosaico. Lo scopo del progetto è sì restaurare, ma anche coinvolgere, aumentando la consapevolezza e l’interesse dei giovani per il patrimonio storico e artistico del loro paese. E sempre in quest’ottica di coinvolgimento e avvicinamento dei ragazzi di Gerusalemme alle bellezze del loro territorio, sono iniziate da poco delle attività con le scuole.

Le ragazzine scendono a piedi dal Monte degli Ulivi, dove si trova l’Istituto femminile Al-Tur. Come spiega Khaled Hamdan, coordinatore delle attività con le scuole “Abbiamo iniziato a contattare gli istituti dei quartieri arabi adiacenti alla Basilica, poi ci allargheremo al resto della città“.

Accompagnata da Khaled  e da Osama Hamdan, l’architetto collaboratore di ATS pro Terra Sancta e responsabile dei lavori di restauro, il 4 ottobre una classe della scuola di Al-Tur ha preso parte alla prima delle visite che verranno organizzate con cadenza settimanale. Tutte le ragazzine, così come le quattro maestre che le accompagnano, indossano un cappellino con un particolare del mosaico del Getsemani e i loghi dei donatori che stanno realizzando il progetto: ATS pro Terra Sancta, Custodia di Terra Santa, Mosaic Center di Gerico, programma PMSP del Consolato Italiano, Comune di Rovereto, Fondazione Opera Campana dei Caduti e Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.

La visita inizia all’esterno, dove le ragazzine ascoltano attente la storia della Basilica, e osservano sulla carta le sue evoluzioni storico-architettoniche avvenute nel corso dei secoli. Si prosegue quindi all’interno, dove il mosaicista Raed Khalil racconta del suo lavoro e mostra loro i mosaici sulle volte e sul pavimento. Alcune prendono appunti, altre rimangono con il naso all’insù, affascinate dai colori e dalle figure così finemente realizzate. Dopodiché si accostano al tavolo dove due dei ragazzi in tirocinio stanno lavorando alla copia di un particolare del mosaico. Le tesserine in vetro – arrivate da una ditta italiana – risplendono nella luce del faretto. Le ragazzine, alla fine della visita, ne chiedono una da portare a casa, come ricordo di questa gita speciale. E una di esse, prima di uscire, chiede timidamente: “Ma posso portare al Getsemani anche tutta la mia famiglia?“.

***

[nggallery id=174]

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Quelle scuole musulmane in visita al museo sulla Via Dolorosa (Novembre 2016)

Alla scoperta del Dominus Flevit: la prima visita per 15 ragazzine di una scuola del Monte degli Ulivi (Giugno 2015)

Formazione e artigianato di qualità: Associazione pro Terra Sancta e Mosaic Centre Jericho incontrano due fondazioni milanesi (Settembre 2014)

Monte degli Ulivi, conservazione per uno sviluppo sostenibile (Agosto 2014)

Associazione pro Terra Sancta si unisce al cordoglio della Custodia per la scomparsa di Fra Pietro Kaswalder (Giugno 2014)

I mosaicisti di Gerusalemme partono per l’Italia: un concorso internazionale e un viaggio attraverso l’arte italiana (Maggio 2014)

“Certi che la bellezza salverà il mondo”: lavoro e opportunità per i mosaicisti di Gerusalemme est (Marzo 2014)

Getsemani: conclusione di un progetto importante per Gerusalemme e per i suoi giovani (Febbraio 2014)

La mostra fotografica sul Getsemani visitabile all’Urban Center di Rovereto fino al 6 gennaio (Dicembre 2013)

La Basilica del Getsemani torna visitabile in tutto il suo splendore (Novembre 2013)

Il Ministro italiano dei Beni Culturali in visita alla Basilica del Getsemani (Ottobre 2013)

In mostra a Rovereto il progetto di restauro del Getsemani (Settembre 2013)

Il nuovo sito della Custodia di Terra Santa, dedicato alla Basilica del Getsemani (Luglio 2013)

Lezioni sul mosaico antico e moderno per i giovani restauratori del Getsemani (Luglio 2013)

I bambini di Gerusalemme in visita alla Basilica del Getsemani (Maggio 2013)

Al Getsemani continuano i lavori: messo in risalto l’oro della cupola centrale (Marzo 2013)

Al Getsemani proseguono i lavori e le attività di formazione: un incontro per presentare il progetto ai giornalisti (Dicembre 2012)

Un nuovo sito per il Romitaggio del Getsemani (Dicembre 2012)

Getsemani (Novembre 2012)

Il Ministro della Giustizia italiano visita il progetto del Getsemani (Ottobre 2012)