Marzo 2013

“Gerusalemme, Pietre della Memoria” e la storia di Feras

In un appartamento a due passi dal Santo Sepolcro di Gerusalemme vivono Issa e Nahla, un’anziana coppia che condivide la casa con il più giovane dei loro cinque figli, Feras. Quest’ultimo ha perso una gamba in un incidente e non può lavorare. La famiglia si trova quindi in gravi difficoltà economiche, e l’appartamento in cui abita è in pessime condizioni. Si rende necessario un intervento di ristrutturazione degli ambienti, con particolare attenzione al risanamento delle murature soggette a infiltrazioni di umidità dall’esterno, che rischiano di peggiorare la salute di Issa, Nahla e Feras.

La storia di questa famiglia è solo una tra le storie della comunità cristiana che abita la Città Vecchia di Gerusalemme. Permangono infatti situazioni di grave disagio, in particolare causate dall’alta densità di popolazione, dalla mancanza di manutenzione delle strutture comuni e dall’assenza di servizi di base igienico-sanitari. Molti gruppi e nuclei familiari vivono attualmente in uno stato di forte abbandono e povertà, e tale disagio genera anche situazioni di instabilità sociale, aumentando i rischi legati al consumo e traffico di droga e alla criminalità organizzata, soprattutto da parte dei più giovani e vulnerabili.

Tramite il progetto “Gerusalemme, Pietre della Memoria”, ATS pro Terra Sancta fa fronte al bisogno concreto di molte famiglie di avere case dignitose nella loro terra, rispondendo a una vera e propria emergenza umanitaria e abitativa. In questo modo si intende allo stesso tempo dare un giusto volto a questa città, da tutti considerata il centro del mondo.

Qualche esempio concreto dei costi necessari per realizzare gli interventi, sempre considerando che ogni lavoro ha storia a sè e presenta condizioni logistiche e costruttive molto diverse: 6 euro: un sacco di cemento; 40 euro: un rubinetto per lavabo; 50 euro: stipendio per una giornata di lavoro di un operaio; 60 euro: 10 m2 di piastrelle; 270 euro/m2: per interventi in appartamenti situati in edifici più recenti (in cemento armato e mattoni di cemento); 370 euro/m2: per interventi in appartamenti situati in edifici storici (in pietra, con volte di copertura). 2.500 euro: rifacimento dei servizi igienici in un appartamento.

Il progetto permette inoltre un sempre maggiore coinvolgimento della popolazione locale, soprattutto per quanto riguarda la formazione di operai locali, sotto il coordinamento dell’Ufficio Tecnico della Custodia di Terra Santa. Ai tecnici, infatti, vengono affiancati esperti, con il duplice obiettivo di creare lavoro nel breve periodo e di investire nel futuro: la formazione di nuovi operai specializzati permetterà di creare un vero e proprio patrimonio di esperienza e conoscenza riutilizzabile per futuri interventi.

Per maggiori informazioni sul progetto: www.jerusalemstonesofmemory.org

Per effettuare una donazione in favore delle famiglie della Città Vecchia di Gerusalemme: DONA ORA!

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

I cristiani di Gerusalemme e la speranza di una nuova casa (Febbraio 2018)

Una casa per i cristiani di Terra Santa (Aprile 2017)

Sostenere la presenza cristiana nella Città Vecchia di Gerusalemme: un edificio restaurato (Aprile 2015)

Video: La vita nella città vecchia di Gerusalemme (Aprile 2015)

A Pompei un concerto per la Terra Santa (Marzo 2015)

“Cosa sono qui a costruire?”: la testimonianza di Alice, volontaria a Gerusalemme (Gennaio 2015)

“Quello che ho imparato da questi mesi e dal contatto con le persone”: le parole di Domenico, volontario a Gerusalemme (Dicembre 2014)

Inaugurato il nuovo Convento di S. Francesco ad Coenaculum (Ottobre 2014)

La Nostra Casa a Gerusalemme e Betlemme (Settembre 2014)

Nuovi lavori per la squadra di operai nella Città Vecchia di Gerusalemme: la missione della Custodia di Terra Santa si rinnova all’insegna della continuità (Agosto 2014)

“Voglio vivere lì dove Gesù ha vissuto”: le voci dei cristiani della Città Vecchia di Gerusalemme (Giugno 2014)

Conclusi quattro nuovi appartamenti per la comunità araba-cristiana di Gerusalemme: le pietre vive della memoria (Giugno 2014)

A Roma, insieme a Claudia Koll, una veglia di preghiera per la pace per il viaggio del Papa in Terra Santa (Maggio 2014)

Al Santuario di Betfage, nuova veste per il presbiterio della Chiesa e della Sacrestia (Maggio 2014)

Santuario di San Giovanni a Ain Karem: lavori per un nuovo salone di accoglienza per i pellegrini (Marzo 2014)

A Roma, con Claudia Koll per edificare la Città della Pace (Dicembre 2013)

Claudia Koll a fianco di ATS pro Terra Sancta, per sostenere le pietre vive di Gerusalemme (Dicembre 2013)

La storia di Peter e Farida: aiutare una famiglia significa aiutare la piccola comunità cristiana di Gerusalemme (Ottobre 2013)

Giunto al termine il progetto “Emergenza abitativa e sociale nella Città Vecchia di Gerusalemme Est”: ecco i risultati (Luglio 2013)

Gerusalemme Pietre della Memoria (Giugno 2013)