Novembre 2015

I personaggi del mese: intervista doppia a Suor Lisi e Suor Caterina della Società Antoniana di Betlemme

Suor Lisi e Suor Caterina della Congregazione delle Figlie di Maria Santissima dell’Orto, vivono presso la Società Antoniana, la casa di accoglienza per anziani di Betlemme che ospita donne e uomini poveri, soli o con gravi problemi mentali e fisici.

Suor Caterina è responsabile della cucina. Suor Lisi si prende cura degli anziani somministrando medicine e facendo loro compagnia.

Come si svolge la vostra giornata tipo?

Suor Caterina: “Mi alzo e, insieme alle sorelle, prego. Poi vado in cucina e inizio a cucinare. Non posso dire di avere una routine, perché devo essere sempre disponibile: le persone, gli ospiti e i visitatori arrivano in qualsiasi momento. Siamo poche sorelle, ci aiutiamo come possiamo in tutte le mansioni. Per noi l’unione è la forza che ci permette di andare avanti.”

Suor Lisi: “Anche io faccio la preghiera mattutina, la messa, poi insieme a suor Caterina distribuisco la colazione. Somministro le medicine e passo del tempo in compagnia dei nostri ospiti, dando conforto e qualche consiglio. A volte ci si dimentica della gioia che può dare un semplice sorriso.”

Cosa significa lavorare con gli anziani?

Suor Caterina: “Lo faccio volentieri perché so di occuparmi di creature amate da Dio. Ho cominciato a lavorare con gli anziani che non avevo ancora trent’anni. Inizialmente è stato difficile, però mi sono abituata e ho capito che Dio ci dà la forza per andare avanti. E poi le persone sono molto buone e riconoscenti per il nostro aiuto. Molti, anche se hanno poco, cercano di aiutarci come possono, regalandoci verdure, vestiti o lenzuola. Ed è bellissimo vedere come ci sostengono tutti i giorni.”

Suor Lisi “Io lavoro da poco con gli anziani, ma sono molto felice. Noi andiamo dove gli altri non possono, o non vogliono andare. Poche persone vogliono stare con gli anziani, specialmente quelli malati gravemente come gli ospiti della Società Antoniana.”

Cosa vorreste dire a chi vi sostiene?

Suor Lisi: “Vogliamo dire grazie, grazie a tutti quelli che ci aiutano e pregano per noi, perché noi viviamo grazie alla Provvidenza. Come diceva il nostro fondatore – Sant’Antonio Gianelli – pregate per la provvidenza ed essa non vi mancherà mai.”

Suor Caterina: “È vero, tutti i giorni riceviamo un aiuto, e accettiamo tutto. Ringraziamo con tutto il cuore chi prega e aiuta la Società Antoniana, ricordando le nostre anziane nella preghiera. E ricambiamo il loro affetto e amore con la preghiera e il sacrificio quotidiano.”

Scopri il progetto “Betlemme è anche anziana” e aiutaci anche tu!

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Acqua pulita per le famiglie più bisognose di Betlemme (Settembre 2019)

Un graffito di speranza per la Società Antoniana di Betlemme (Settembre 2019)

Incontrarsi con la musica a Betlemme (Luglio 2019)

Betlemme: la piccola May torna a vedere (Aprile 2019)

Il turismo che fa (del) bene: l’esperienza della Guesthouse Dar Al Majus di Betlemme (Aprile 2019)

Betlemme: dopo 2000 anni, la bellezza e la semplicità di un evento che ha cambiato l’umanità (Dicembre 2018)

“Voglia di acqua” a Betlemme: nuove cisterne di acqua in regalo a Rana e alla sua famiglia (Dicembre 2018)

Ricomincia la scuola a Betlemme! (Settembre 2018)

5 x Mille per l’educazione: l’esempio di due ragazze di Betlemme (Maggio 2018)

Le mani e il cuore di Mattia, fiositerapista volontario a Betlemme (Marzo 2018)

Nuovo indirizzo tecnologico del Terra Sancta School di Betlemme: una scommessa all’avanguardia (Marzo 2018)

Natale a Betlemme: i piccoli segni di una speranza grande (Dicembre 2017)

Al Campo dei Pastori con fra Josè Maria. Per essere “un po’ pastori e un po’ angeli” (Novembre 2017)

Un servizio per tutta la vita. In Terra Santa con i ragazzi del Servizio Civile Nazionale (Novembre 2017)

Estate a Betlemme: per crescere insieme con la musica (Agosto 2017)

Il “Summer Camp” a Betlemme (Luglio 2017)

Betlemme: il 5xmille di Associazione pro Terra Sancta che porta l’acqua in casa (Aprile 2017)

A lezione con l’Arab Institute di Betlemme: “Non basta conoscersi e interessarsi, ma si deve anche valorizzare l’altro” (Febbraio 2017)

Incontro, buona cucina e la bellezza delle piccole cose: le donne di Betlemme ripartono anche da qui (Febbraio 2017)

Con la Conferenza Episcopale Italiana nelle scuole! Riduciamo la violenza tra i banchi di Betlemme (Novembre 2016)