Dicembre 2017

Natale a Betlemme: i volti di un presepe vivente

A Natale in tutto il mondo si allestisce il presepe e la Grotta del Bambino Gesù rappresenta il cuore di questa sacra e popolare rappresentazione. Ma insieme ai Magi e pastori tra le case e le strade di Betlemme  si mostra un intero popolo che corre gioioso verso la Mangiatoia. Siamo andati a incontrarli, per correre insieme a loro verso la stella che indica il luogo della nascita di Gesù.

Il  guardiano della Chiesa latina di Santa Caterina adiacente alla Basilica è Bishàra, un cristiano betlemita. Natale è un bellissimo periodo”, dice sorridendo e mostrando la croce rossa di Terra Santa sul suo petto. “L’importante per la nostra famiglia e per tutti è che Gesù è nato per ognuno di noi, per questo non abbiamo paura. Io ringrazio Dio e i francescani per cui lavoro, perché la mia famiglia è in salute. Lasciamo i problemi a Dio che conosce il cuore di tutti».

Appena fuori dalla Basilica, nella grande piazza della Natività davanti al bellissimo albero e presepe c’è Rony, uno dei tanti venditori di presepe tipici di Betlemme, in legno e madreperla. “Non abbiate paura, e pregate per la Terra Santa, soprattutto ora che è Natale!” dice mentre mostra con orgoglio a tutti i pellegrini che entrano nel suo negozio il video di quando ha cantato per Papa Francesco, proprio lì a Betlemme. Suo padre è lì accanto a lui, così come c’è anche suo nonno in una foto tra i tanti personaggi del presepe che ogni giorno dell’anno vende a tutto il mondo. “Chissà come sarà questo Natale” riferisce suo padre con lo sguardo stanco di chi per troppo tempo ha vissuto la tragedia della situazione politica della sua terra. Ma Rony lo guarda sorridendo e dice: “Papà lo sai, gli ultimi rivolgimenti politici ci rendono ancor più forti e fedeli. Noi siamo molto felici di vivere qui. Non è solo una tradizione di famiglia che deve continuare, la nostra missione è rimanere qua. Noi speriamo sempre nella pace e vogliamo la pace per la Terra Santa».

Fuori dal negozio, la giovane Taline ricorda il periodo più atteso dell’anno. “Quando arrivava Natale, casa era aperta a tutti, bussavano alla porta e la gente veniva sulla nostra terrazza che si affaccia sulla piazza della Natività. Ricordo ancora il profumo dei dolcetti al liquore che mamma preparava per gli ospiti e per noi i bambini c’erano tanti Santa Claus di cioccolato”. Racconta che nei 7 anni a Roma, dove ha studiato ingegneria edile architettura, seNatività Betlemmentiva quanto fosse importante la sua città: “quando vivi a 2 minuti da un luogo così importante a volte non ci pensi!”. Oggi Taline è ritornata nella sua Terra, dove lavora per i francescani della Custodia di Terra Santa a Gerusalemme ma ogni anno a dicembre ritorna a Betlemme. L’attesa è sempre la stessa: rivivere il Natale come quando era bambina insieme a tutto il mondo.

In questo grande presepe popolare incontriamo anche George del ‘Saint George restaurant and coffee’. “È vero, è un momento molto difficile per tutti noi, ma come posso lamentarmi – spiega mentre serve un profumato caffè arabo – io amo vivere qui, questo posto profuma di Natale”.  Oppure Nizar, un altro giovane venditore di presepi, che nel suo negozio vede entrare anche alcuni musulmani che comprano presepi per i loro amici cristiani: “Qui siamo tutti fratelli!”.

Scendendo giù per il paese, incrociamo i tanti ragazzi che escono dal Terra Sancta School, lì incontriamo Naila, una donna che conosce bene la speranza. Ogni giorno come assistente sociale dell’FSSO (servizi sociali francescani), ascolta la voce di tanta gente di Betlemme e trasmette la gioia di vivere, anche grazie all’aiuto fornito da Associazione pro Terra Sancta. “Se non hai speranza, qui non vivi!” dice Naila. “Vista la situazione politica ebetlemme anziani sociale ogni giorno non ci aspettiamo qualcosa di buono ma se ci fermassimo solo alle brutte notizie, non riusciremmo più a muoverci. A casa e nel lavoro io cerco di trovare felicità e di sperare in un futuro migliore. Io sono moglie, mamma, sorella, ho la responsabilità di dare speranza ai miei figli e alle persone accanto a me e ricordo loro sempre di ringraziare Dio se vivono felicemente. E la speranza cresce proprio in questo periodo quando posso partecipo alla Novena di Natale. Mi piace andare in chiesa perché sento il Natale. Ma è anche una gioia che si vive in famiglia, il 25 dicembre infatti, come in tutto il mondo, ci riuniamo tutti insieme per un pranzo e ci scambiamo i regali che mettiamo sotto l’albero, accanto al Presepe”.

Naila sta andando alla Società Caritatevole Antoniana, per una festa di Natale per gli anziani. In questo centro d’accoglienza per gli anziani di Betlemme, spesso abbandonati o privi di un’assistenza sanitaria, ci sono Marya e Muna. Mentre la prima scarta il regalo che ha appena ricevuto, una bellissima sciarpa rossa, Marya ripete per tre volte il suo bisogno di «Pace pace pace, noi abbiamo bisogno di pace e libertà”.

Ormai anziana e malata, anche Marya è ospite del centro e grazie alla generosità di molti benefattori, può curarsi. Tra i corridoi della struttura c’è un angelo, è suor Lisi. “A Natale alcuni di loro non potranno assistere alla Messa in Basilica, ma saremo qui mangiando tutti insieme e vivendo questa gioia”, continua suor Lisi, mentre accarezza gli altri malati del centro e porta loro il pranzo del giorno e un piccolo regalo. “Natale per noi è il lieto annuncio d’amore che Dio rivolge ad ogni uomo, con questi gesti d’amore noi cerchiamo di seguire quell’annuncio e di vivere così ogni giorno il Natale proprio qui a Betlemme”.

BUON NATALE DA ASSOCIAZIONE PRO TERRA SANCTA!

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Betlemme: dopo 2000 anni, la bellezza e la semplicità di un evento che ha cambiato l’umanità (Dicembre 2018)

5 x Mille per l’educazione: l’esempio di due ragazze di Betlemme (Maggio 2018)

Nuovo indirizzo tecnologico del Terra Sancta School di Betlemme: una scommessa all’avanguardia (Marzo 2018)

Natale a Betlemme: i piccoli segni di una speranza grande (Dicembre 2017)

Natale a fianco dei bambini malati di Betlemme (Dicembre 2017)

Il lavoro di Naila, assistente sociale a Betlemme (Agosto 2017)

Estate a Betlemme: per crescere insieme con la musica (Agosto 2017)

A lezione con l’Arab Institute di Betlemme: “Non basta conoscersi e interessarsi, ma si deve anche valorizzare l’altro” (Febbraio 2017)

Incontro, buona cucina e la bellezza delle piccole cose: le donne di Betlemme ripartono anche da qui (Febbraio 2017)

“Riconciliarsi con se stessi, per costruire il mondo”: l’avventura dei ragazzi di Betlemme (Gennaio 2017)

A Natale crea un ponte con i bambini di Betlemme (Novembre 2016)

Con la Conferenza Episcopale Italiana nelle scuole! Riduciamo la violenza tra i banchi di Betlemme (Novembre 2016)

“You will find me in the sound”: il corso di Musicoterapia a Betlemme (Agosto 2016)

Betlemme: si conclude il corso di ebraico per 25 donne madri di famiglia (Maggio 2016)

I concerti dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per la Terra Santa (Novembre 2014)

Campagna di Natale per Betlemme (Novembre 2014)

A Natale Ritorna alle Origini (Novembre 2013)

Arriva Natale: grande festa tra le anziane di Betlemme! (Dicembre 2012)

È online il nuovo sito del Santuario della Natività a Betlemme (Dicembre 2012)

Un ponte per il futuro anche per i ragazzi in difficoltà di Betlemme (Ottobre 2012)