Dicembre 2014

Nel messaggio di Natale, Papa Francesco ricorda i rifugiati di Siria e Iraq

Riportiamo qui di seguito una parte del messaggio Urbi et Orbi pronunciato da Papa Francesco nel giorno di Natale 2014, in cui il Santo Padre ricorda i cristiani perseguitati di Siria e Iraq, e invoca la pace per tutto il Medio Oriente.

Sono le persone umili, piene di speranza nella bontà di Dio, che accolgono Gesù e lo riconoscono. Così lo Spirito Santo ha illuminato i pastori di Betlemme, che sono accorsi alla grotta e hanno adorato il Bambino. E poi lo Spirito ha guidato gli anziani Simeone e Anna, umili, nel tempio di Gerusalemme, e loro hanno riconosciuto in Gesù il Messia. «I miei occhi hanno visto la tua salvezza» – esclama Simeone – «salvezza preparata da [Dio] davanti a tutti i popoli» (Lc 2,30).

Sì, fratelli, Gesù è la salvezza per ogni persona e per ogni popolo!

A Lui, Salvatore del mondo, domando oggi che guardi i nostri fratelli e sorelle dell’Iraq e della Siria che da troppo tempo soffrono gli effetti del conflitto in corso e, insieme con gli appartenenti ad altri gruppi etnici e religiosi, patiscono una brutale persecuzione. Il Natale porti loro speranza, come ai numerosi sfollati, profughi e rifugiati, bambini, adulti e anziani, della Regione e del mondo intero; muti l’indifferenza in vicinanza e il rifiuto in accoglienza, perché quanti ora sono nella prova possano ricevere i necessari aiuti umanitari per sopravvivere alla rigidità dell’inverno, fare ritorno nei loro Paesi e vivere con dignità. Possa il Signore aprire alla fiducia i cuori e donare la sua pace a tutto il Medio Oriente, a partire dalla Terra benedetta dalla sua nascita, sostenendo gli sforzi di coloro che si impegnano fattivamente per il dialogo fra Israeliani e Palestinesi”.

Il discorso completo qui.

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Damasco. La lunga via della ripresa e i nuovi nemici della Siria (Aprile 2019)

Approfondimenti: Le celebrazioni cristiane in Terra Santa (Marzo 2019)

Betania: “La cultura del dialogo come via” (Febbraio 2019)

UN NOME E UN FUTURO (Aprile 2018)

IN SIRIA, NOI NON CI ARRENDIAMO (Marzo 2018)

Aleppo: ricuciamo le ferite dei piccoli siriani (Febbraio 2018)

Ricordando il Natale: Il dono dei francescani ai bambini di Aleppo (Gennaio 2018)

Fede, speranza e carità ad Aleppo. Ultima tappa del nostro viaggio in Siria (Novembre 2017)

Oasi di carità a Damasco. Prima tappa del nostro viaggio in Siria (Ottobre 2017)

“Qualcosa che rimane impresso nel cuore”: il Middle East Community Program 2017 (Settembre 2017)

Aggiornamenti dalla Siria: “Torniamo a casa, ma non è ancora finita!” (Luglio 2017)

GREST 2017: con la parrocchia, ancora vicini alla Siria (Giugno 2017)

Testimonianze dalla Siria: Suor Iole, la missionaria di speranza a Damasco (Maggio 2017)

Sei anni di guerra in Siria e l’instancabile impegno di ATS pro Terra Sancta a fianco della popolazione (Marzo 2017)

Aleppo si rialza (Febbraio 2017)

Aleppo libera, ma la pace è ancora lontana (Dicembre 2016)

Colpita la chiesa francescana di Damasco. Associazione pro Terra Sancta a fianco della Custodia di Terra Santa (Novembre 2016)

Con i nostri occhi il dramma di Aleppo (Ottobre 2016)

Siria: Associazione pro Terra Sancta rilancia l’appello per la pace dell’ordine francescano (Ottobre 2016)

“Non voglio che siate tristi per la guerra”: gli oratori italiani a sostegno di Aleppo (Agosto 2016)