Dicembre 2015

Siria: nell’incessante violenza e nel disastro umano, la Misericordia ha bussato ad Aleppo

Il Giubileo della Misericordia indetto da papa Francesco arriva anche in Siria. A inaugurare l’Anno Santo, tutti i vescovi di rito orientale e centinaia di fedeli, nella parrocchia di San Francesco ad Aleppo. “Stipati, in una chiesa affollatissima, piena all’inverosimile” ci dicono i frati della comunità di Aleppo, padre Ibrahim con  padre Firas e i loro confratelli. Tra i parrocchiani presenti alla celebrazione di mons. Abou Khazen, anche diversi musulmani, attenti, in silenzio, assorti nella preghiera. Non c’è da sorprendersi, di questo piccolo gesto d’unità in mezzo a chi vorrebbe vedere solo divisione. “Perchè – dice padre Ibrahim, il parroco – tutti hanno bisogno della misericordia”.

I frati però ci raccontano anche che in Siria “la situazione è disperata e la gente non ce la fa più: siamo da 40 giorni senza elettricità, e ora anche senz’acqua. Quando ce n’è bisogno, si attivano dei generatori che però consumano troppo: 2 ampere di corrente, sufficienti per accendere una lampadina la sera, costano 20 euro.”

Alle famiglie di Aleppo, non è rimasto nulla. Continuare a sostenere la popolazione siriana nei bisogni concreti acquista un significato vitale. Continuano: “Con gli aiuti ricevuti si è provveduto a comprare  200 litri di gasolio che sono andati a 600 famiglie, per avere la luce e il riscaldamento. Poi si è dovuto provvedere all’acqua, 200 barili per altrettante famiglie, e ai più piccoli: biancheria intima, scarpe, giacche e maglioni per 200 bambini, dato che inizia a fare davvero freddo”.

Per questo motivo l’Apertura della Porta della Misericordia di sabato 12 dicembre ha per loro un valore ancor più grande. Il logo ufficiale del Giubileo “è un segno molto particolare – continua padre Ibrahim – simboleggia Cristo che si prende sulle spalle l’uomo ferito, stanco, inerme”. Come si fa a non pensare a loro, ai cristiani della Siria e della Terra Santa. Feriti, stanchi, inermi di fronte a tutta questa violenza. Da oggi però, una nuova immagine illuminerà i cuori di quanti passeranno, anche per sbaglio, davanti alla porta santa di Aleppo: è l’immagine buona di Gesù che non lascia solo l’uomo. Non abbandoniamoli, continuiamo a sostenere questa speranza per Aleppo e per la Siria!

Porta Santa Aleppo
apertura 2
apertura
ibrahim
logo giubileo
porta santa 2
12310694_422846867911039_8468300195075153258_n
12347902_422847531244306_9096893643976846613_n
cristiani Terra Santa
12360144_422847454577647_3155874140726971436_n
12391018_422847187911007_5795333175462197042_n
condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Aleppo: perdono e carità per ricostruire la pace (Aprile 2019)

Damasco. La lunga via della ripresa e i nuovi nemici della Siria (Aprile 2019)

Insieme per ridare un nome e un futuro alla Siria. Intervista a Mons. Abou Khazen (Novembre 2018)

Racconto di un viaggio in Siria. Ultima tappa: Aleppo tra polvere e macerie, ma tanta voglia di ricominciare (Ottobre 2018)

UN NOME E UN FUTURO (Aprile 2018)

IN SIRIA, NOI NON CI ARRENDIAMO (Marzo 2018)

Siria: Mons. Abou Khazen sulla situazione a Damasco (Marzo 2018)

“40 colpi di mortaio in un solo giorno. Centinaia di feriti”: Ayham, di ATS pro Terra Sancta racconta la tragedia di Damasco (Febbraio 2018)

Aleppo: ricuciamo le ferite dei piccoli siriani (Febbraio 2018)

Ricordando il Natale: Il dono dei francescani ai bambini di Aleppo (Gennaio 2018)

Fede, speranza e carità ad Aleppo. Ultima tappa del nostro viaggio in Siria (Novembre 2017)

Oasi di carità a Damasco. Prima tappa del nostro viaggio in Siria (Ottobre 2017)

Una casa per Aleppo (Ottobre 2017)

Aleppo: “tutto da ricostruire, ma non siamo soli” (Settembre 2017)

Aggiornamenti dalla Siria: “Torniamo a casa, ma non è ancora finita!” (Luglio 2017)

GREST 2017: con la parrocchia, ancora vicini alla Siria (Giugno 2017)

Testimonianze dalla Siria: Suor Iole, la missionaria di speranza a Damasco (Maggio 2017)

Sei anni di guerra in Siria e l’instancabile impegno di ATS pro Terra Sancta a fianco della popolazione (Marzo 2017)

Aleppo si rialza (Febbraio 2017)

Aleppo libera, ma la pace è ancora lontana (Dicembre 2016)