Febbraio 2017

A lezione con l’Arab Institute di Betlemme: “Non basta conoscersi e interessarsi, ma si deve anche valorizzare l’altro”

Sto scoprendo, anzi riscoprendo tanto della mia fede e della fede dei miei amici cristiani. Quando non si conosce l’altro ci si lascia guidare dai luoghi comuni e dalla diffidenza… e invece basta così poco”. Lo racconta entusiasta Mohammed, 16 anni, al termine della lezione che si è tenuta alla Greek Catholic School di Beit Sahour. Sono una ventina di ragazzini in tutto, accompagnati dagli educatori dell’Arab Educational Institute-Open Windows, Ong locale di Betlemme, in partenariato con Associazione pro Terra Sancta.

Ragazzi e ragazze di fede cristiana ed islamica, di due comunità che da sempre hanno convissuto in Palestina, condividendo quartieri, usanze, periodi di pace e di conflitto, ma che raramente hanno occasioni per conoscersi da vicino.

Attraverso gli incontri con formatori di entrambe le fedi, lavori di gruppo, visite in diverse realtà locali e testimonianze dirette, “il progetto”, spiega Roger, uno dei responsabili, “vuole formare i giovani per costruire ponti tra le comunità e tessere la trama di una convivenza costruttiva.” “Vivere insieme davvero, – continua – non significa semplicemente tollerare l’altro. Rispettare gli altri non è solo non interferire. Vuol dire anche interessarsi, conoscersi e valorizzare l’altro”.

C’è anche Hala, 16 anni, cristiana. “È un’opportunità unica per noi, a scuola non abbiamo modo di approfondire e conoscere ciò che ci accomuna e ciò che ci rende unici singolarmente come comunità” Dice sorridendo.

Sostieni le nostre attività con i ragazzi di Betlemme! 

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

“Voglia di acqua” a Betlemme: nuove cisterne di acqua in regalo a Rana e alla sua famiglia (Dicembre 2018)

Ricomincia la scuola a Betlemme! (Settembre 2018)

5 x Mille per l’educazione: l’esempio di due ragazze di Betlemme (Maggio 2018)

Le mani e il cuore di Mattia, fiositerapista volontario a Betlemme (Marzo 2018)

Nuovo indirizzo tecnologico del Terra Sancta School di Betlemme: una scommessa all’avanguardia (Marzo 2018)

Natale a Betlemme: i volti di un presepe vivente (Dicembre 2017)

Natale a Betlemme: i piccoli segni di una speranza grande (Dicembre 2017)

Al Campo dei Pastori con fra Josè Maria. Per essere “un po’ pastori e un po’ angeli” (Novembre 2017)

Un servizio per tutta la vita. In Terra Santa con i ragazzi del Servizio Civile Nazionale (Novembre 2017)

Oasi di carità a Damasco. Prima tappa del nostro viaggio in Siria (Ottobre 2017)

Il lavoro di Naila, assistente sociale a Betlemme (Agosto 2017)

Estate a Betlemme: per crescere insieme con la musica (Agosto 2017)

Il “Summer Camp” a Betlemme (Luglio 2017)

Betlemme: il 5xmille di Associazione pro Terra Sancta che porta l’acqua in casa (Aprile 2017)

Incontro, buona cucina e la bellezza delle piccole cose: le donne di Betlemme ripartono anche da qui (Febbraio 2017)

“Riconciliarsi con se stessi, per costruire il mondo”: l’avventura dei ragazzi di Betlemme (Gennaio 2017)

Con la Conferenza Episcopale Italiana nelle scuole! Riduciamo la violenza tra i banchi di Betlemme (Novembre 2016)

Continua l’assistenza alle Pietre Vive di Betlemme: la Fondation Francois d’Assise in sostegno dei bisognosi (Ottobre 2016)

Charity Program 2016: un’esperienza “ben al di là delle mie aspettative” (Ottobre 2016)

Ricominciamo le scuole! (Settembre 2016)