Bombardamenti a un passo dalla parrocchia cattolica di Gaza city

email whatsapp telegram facebook twitter

Questa mattina, dopo che i residenti di Al-Zeitun, quartiere orientale di Gaza City dove si trova anche la parrocchia cattolica della Sacra Famiglia – avevano ricevuto l’ordine di evacuazione, un bombardamento dell’esercito israeliano ha colpito una casa molto vicina alla parrocchia. I danni sono enormi:  parzialmente distrutta l’adiacente scuola parrocchiale, l’ufficio del parroco e alcuni locali utilizzati dalla parrocchia.

Secondo quanto riferisce l’Agenzia Fides, tanta gente che era rifugiata nei pressi della parrocchia è scappata, ma l’evacuazione non è stata possibile per coloro che attualmente vivono nella chiesa: oltre al parroco argentino Jorge Hernandez, sacerdote dell’Istituto del Verbo Incarnato, presso il complesso parrocchiale della Sacra Famiglia ci sono in questi giorni di raid aerei anche tre suore di Madre Teresa insieme ai 29 bambini disabili e alle 9 donne anziane di cui si prendono cura. “Abbiamo passato una notte difficile, ma siamo qui. Questa guerra assurda – racconta p. Hernandez – continua a andare avanti. Dopo aver distrutto il quartiere di Shujayeh, ora prendono di mira quello di Zeitun. Tutto capita attorno a noi. I miliziani di Hamas continuano a lanciare missili e poi si nascondono nei vicoli. E noi non possiamo fare assolutamente niente. Non possiamo evacuare, con i bambini è impossibile. Le loro famiglie vivono qui intorno. E può essere più pericoloso uscire che rimanere qui. Cerchiamo di stare nei luoghi più sicuri, sempre al piano terra”.

I bisogni della popolazione, ancora sotto le bombe, sono enormi. Servono medicinali, cibo, vestiti, materassi… Associazione pro Terra Sancta supporta la parrocchia latina, attraverso le suore di Madre Teresa e del Verbo Incarnato, e attraverso il parroco. Sostenere gli abitanti di questo lembo di terra affacciato sul Mar Mediterraneo vuol dire non perder la speranza che si possa raggiungere una giusta soluzione al conflitto attraverso i negoziati.

Ogni contributo è fondamentale. Con una piccola cifra siamo in grado di far arrivare in tempi rapidi un aiuto concreto alla popolazione.

Per donare, clicca qui.

Per maggiori informazione sul progetto “Emergenza Gaza”, clicca qui.

In allegato il Comunicato Stampa.