Luglio 2015

Campo estivo a Betlemme, l’entusiasmo dei più piccoli

Si è concluso giovedì 2 luglio il campo estivo svolto presso l’Azione Cattolica di Betlemme, finanziato dalla Conferenza Episcopale Italiana, attraverso il Comitato per gli interventi caritativi a favore dei Paesi del terzo mondo, e inserito all’interno di un progetto a sostegno delle fasce più deboli di Betlemme, donne, giovani e bambini.

Durante la festa finale, cui hanno preso parte genitori, parenti e vicinato, i bambini hanno avuto l’occasione di presentare tutto ciò che hanno imparato durante le settimane di attività: balli, canti, saggi teatrali e i lavoretti fatti durante i laboratori.

Il campo ha coinvolto circa 200 bambini tra i 6 e i 13 anni, seguiti da un team di educatori appassionati, suor Anna, coordinatrice del campo, e padre Lwai, frate francescano della Custodia di Terra Santa.

Per tutta la durata del campo estivo i bambini hanno potuto svolgere attività ludico-ricreative ed educative come balli, teatro, giochi di gruppo, sport – in particolare calcio e basket -, e lavoretti pratici. Ci sono stati giorni di piscina e gita, e non sono mancati i momenti di riflessione attraverso i quali i bambini hanno fatto esperienza della fede cristiana. C’è sempre stata molta collaborazione tra gli educatori e i bimbi, gli uni disponibili e sempre con voglia di mettersi in gioco e gli altri a loro volta sempre entusiasti nelle proposte che gli venivano fatte.

Federica, giovane volontaria che ha scelto di dedicare la sua estate ai progetti di Associazione pro Terra Sancta racconta: “Inizialmente mi sono trovata molto disorientata, in quanto era già tutto organizzato quindi toccava a me fare il primo passo e inserirmi. È stata però una questione solo dei primi giorni, perché poi è andata alla grande. Con i bambini la cosa difficile era comunicare, la maggior parte parlava solo arabo, quindi non sapevo molto come muovermi, ma la cosa che mi stupiva ogni giorno era che cercavano sempre di venirmi incontro, insegnandomi, ad esempio, qualche parola della loro lingua. È sempre bello vedere i bambini pieni di gioia e di entusiasmo soprattutto quando il contesto in cui vivono dice tutt’altro. È stata proprio una bella esperienza, faticosa, ma molto interessante, perché in qualche modo sono entrata in rapporto con la loro realtà, con la loro storia e questo mi ha permesso di appassionarmi di più a loro.”

È un momento molto importante per i ragazzi di Betlemme, in quanto la vita quotidiana è fortemente influenzata dal contesto socio-politico in cui non sono molte le opportunità di fare esperienze di crescita e di divertimento come questa.

È fondamentale quindi che ci siano iniziative pronte a dare spazio e speranza a quelli che per primi risentono delle difficoltà del paese, ovvero i bambini stessi.

Scopri di più sul progetto Betlemme e i Bambini di Terra Santa, cliccando qui.

centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
centro estivo betlemme bambini
condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Scuole di Terra Santa: quei luoghi dove ancora oggi continua l’incontro tra San Francesco e il Sultano (Febbraio 2019)

Le mani e il cuore di Mattia, fiositerapista volontario a Betlemme (Marzo 2018)

Nuovo indirizzo tecnologico del Terra Sancta School di Betlemme: una scommessa all’avanguardia (Marzo 2018)

Natale a Betlemme: i piccoli segni di una speranza grande (Dicembre 2017)

Estate a Betlemme: per crescere insieme con la musica (Agosto 2017)

Il “Summer Camp” a Betlemme (Luglio 2017)

A lezione con l’Arab Institute di Betlemme: “Non basta conoscersi e interessarsi, ma si deve anche valorizzare l’altro” (Febbraio 2017)

Incontro, buona cucina e la bellezza delle piccole cose: le donne di Betlemme ripartono anche da qui (Febbraio 2017)

“Riconciliarsi con se stessi, per costruire il mondo”: l’avventura dei ragazzi di Betlemme (Gennaio 2017)

Con la Conferenza Episcopale Italiana nelle scuole! Riduciamo la violenza tra i banchi di Betlemme (Novembre 2016)

“E…stiamo insieme”, l’estate a Betlemme, per giocare e crescere insieme (Luglio 2016)

Dona un Natale di speranza a Betlemme (Novembre 2015)

“Mi troverai nel suono”: corso di formazione per musicoterapisti a Betlemme (Luglio 2015)

Finisce l’anno scolastico: grande festa per i diplomati del Terra Sancta College di Betlemme (Giugno 2015)

La lista nozze? Un dono speciale per Betlemme (Giugno 2015)

Il personaggio del mese: Naila, Assistente Sociale a Betlemme (Maggio 2015)

Classi rinnovate e sicure: sorpresa per i piccoli alunni dell’asilo Santa Caterina di Betlemme (Aprile 2015)

Un disegno dai bimbi di Betlemme, negli ultimi giorni della Campagna di Natale (Gennaio 2015)

Una commovente colletta per Betlemme da una piccola parrocchia abruzzese (Gennaio 2015)

A Natale per Betlemme: belle notizie dalla parrocchia di Busseto, e da tante parrocchie italiane (Dicembre 2014)