Marzo 2016

Dal Vangelo secondo Damasco: “la battaglia che non conosce tregua”

Pubblichiamo la breve lettera di fra Bahjat Elia Karakach, francescano della Custodia di Terra Santa a Damasco con gli aggiornamenti sulla situazione della città durante la tregua di questi giorni in Siria.

Cari amici,

Il Signore vi dia la sua Pace! È passata una settimana dal mio arrivo a Damasco, e come vi ho promesso vi aggiorno sulla situazione qui.

TREGUA

Dal giorno del mio arrivo nella città la vita sembra scorrere normalmente, grazie alla tregua accordata ultimamente. Ciò nonostante è “normale” vedere i segni della guerra: i numerosi check point che aggravano il problema del traffico, il degrado generale e la povertà.

Ad ogni modo la gente resta cauta riguardo a questa apparente calma e frequenta con apprensione quelle zone ritenute pericolose.

Nel nostro convento ho visto i segni di alcuni colpi di mortai provenienti dalla zona occupata dai ribelli che l’hanno colpita in passato sei volte… Il nostro campanile è l’unico che si vede dal loro punto di lancio, ma grazie a Dio abbiamo subito solo danni materiali.

SENZA TREGUA

Ma c’è una battaglia di speranza che non conosce tregua!

Mi ha colpito la gente che continua a frequentare la parrocchia e si rende disponibile per tutti i servizi da fare. Sentono la parrocchia come la loro casa. C’è un clima familiare: un sacco di bambini (la speranza della futura Siria) e giovani ragazze e ragazzi (anche se questi ultimi continuano ad emigrare in cerca di vita migliore).

Come vedete nelle foto allegate le attività non si fermano: scout, coro, catechismo, ecc.

Perciò ho voluto intitolare questa mail Dal Vangelo secondo Damasco”, perché sono convinto che nel cuore della sofferenza possiamo vedere anche segni di fede e speranza… Così il Vangelo si incarna nella nostra realtà.

Per ora non aggiungo altro, aspetto di conoscere la realtà ancora di più per aggiornarvi la prossima volta.

Vi ringrazio per la vostra vicinanza, restiamo uniti in Cristo attraverso la preghiera.

Sostieni la speranza in Siria!

580785_970760849672686_1666659748414245086_n
12803318_970760699672701_8017283704737186689_n
12805947_970760873006017_6552136078660488759_n
10408629_970760846339353_6285574484399436129_n
condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Aleppo: “tutto da ricostruire, ma non siamo soli” (Settembre 2017)

Aggiornamenti dalla Siria: “Torniamo a casa, ma non è ancora finita!” (Luglio 2017)

GREST 2017: con la parrocchia, ancora vicini alla Siria (Giugno 2017)

Testimonianze dalla Siria: Suor Iole, la missionaria di speranza a Damasco (Maggio 2017)

Sei anni di guerra in Siria e l’instancabile impegno di ATS pro Terra Sancta a fianco della popolazione (Marzo 2017)

Aleppo si rialza (Febbraio 2017)

Aleppo libera, ma la pace è ancora lontana (Dicembre 2016)

Colpita la chiesa francescana di Damasco. Associazione pro Terra Sancta a fianco della Custodia di Terra Santa (Novembre 2016)

Con i nostri occhi il dramma di Aleppo (Ottobre 2016)

Siria: Associazione pro Terra Sancta rilancia l’appello per la pace dell’ordine francescano (Ottobre 2016)

“Non voglio che siate tristi per la guerra”: gli oratori italiani a sostegno di Aleppo (Agosto 2016)

Una proposta estiva per tutte le parrocchie italiane! (Maggio 2016)

Bombe sul collegio Terre Sainte! (Maggio 2016)

Aleppo, la guerra e la speranza. Voci dalla città che non conosce tregua (Maggio 2016)

Vi raccontiamo il nostro viaggio in Siria (Aprile 2016)

La vittoria di Aleppo: accoglienza, carità e unità (Marzo 2016)

Siria. Migliaia di persone fuggono da Aleppo. Il nuovo appello del Papa. (Febbraio 2016)

Aggiornamenti dalla Siria: cosa rimane del 2015 e come affrontiamo il nuovo anno (Gennaio 2016)

Padre Dhiya Azziz di nuovo scomparso in Siria (Dicembre 2015)

Siria: nell’incessante violenza e nel disastro umano, la Misericordia ha bussato ad Aleppo (Dicembre 2015)