Marzo 2014

Educazione, la bellezza di scoprire sé stessi. Termine di un progetto importante in Palestina

“Siamo tutti concordi nel considerare l’educazione un fattore chiave della promozione del dialogo, ma come fare a trasformare questa affermazione in qualcosa di concreto e sistematico?” a questa tanto semplice quanto decisiva domanda del Custode di Terra Santa fra Pierbattista Pizzaballa il progetto “Sostenere l’emergenza educativa nei territori dell’Autonomia Palestinese di Betlemme, Gerico e Gerusalemme Est”, promosso da ATS pro Terra Sancta e AVSI con il finanziato dalla Direzione Generale Cooperazione e Sviluppo (DGCS) del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Italiana, ha dato un’iniziale risposta.

Un progetto iniziato l’1 novembre del 2010 e conclusosi lo scorso 28 febbraio, con una cerimonia di chiusura, presso il Terra Santa School di Gerico. Alla cerimonia erano presenti Alberto Repossi Project Manager di AVSI, Fr. Pierbattista Pizzaballa Custode di Terra Santa e Presidente di ATS pro Terra Sancta, Davide La Cecilia, Console Generale d’Italia a Gerusalemme, Ali Zeidan, Ministro dell’Educazione del governo palestinese e Giampaolo Silvestri direttore esecutivo di AVSI. Il progetto ha coinvolto 14 scuole private e altri istituti pubblici: 4 a Gerusalemme Est, 5 a Betlemme e 5 a Gerico, comprendendo scuole primarie e secondarie e fornendo borse di studio per l’Università, con programmi di formazione per insegnanti, operatori sociali e genitori, per un totale di 109 sessioni di formazione per insegnanti, 136 attività per gli studenti, 19 laboratori per i genitori, potenziando le attività extra-curriculari degli studenti e la frequenza scolastica dei più svantaggiati.

Tale iniziativa ha visto come beneficiari 6.739 studenti, di cui 515 con disabilità, fornendo ogni anno a 532 di questi borse di studio. Ad essere coinvolti non sono stati solo i ragazzi ma anche 1495 insegnanti e 784 famiglie, intrepretando in maniera ampia ed inclusiva il concetto di educazione.

Un’esperienza di successo grazie alla collaborazione di diversi enti, come ATS pro Terra Sancta e AVSI, con la creazione di un network che, come ha sottolineato il Custode, proseguirà nella sua missione educativa in un contesto come la Terra Santa, in cui il tasso di frequenza nelle scuole secondaria non va oltre il 65%.

L’ideale educativo sotteso al progetto è emerso con chiarezza dalla tavola rotonda, a cui hanno preso parte Luca Montecchi, capo del dipartimento internazionale della Fondazione Sacro Cuore, Terry Durnnian, capo del settore  per lo Sviluppo dell’Unicef, Diana Daaboul, capo del dipartimento di Educazione Speciale dell’Arabic society, Gloria Nasser, assistente sociale presso il Terra Sancta St Joseph School di Betlemme, Luisa Cogo, responsabile della Compagnia delle Opere estero opere educative, Osama Hamdan, direttore del Mosaic Center Jericho, e Carla Benelli, coordintrice delle attività culturali di ATS pro Terra Sancta. Questi ultimi due hanno presentato un testo sul valore della bellezza e dell’arte del mosaico in Terra Santa, che è stato oggetto di studio e esperienza diretta da parte di molti ragazzi coinvolti nel progetto, come attività extra scolastica.

Educare con lo scopo di introdurre alla realtà totale, secondo l’insegnamento di don Luigi Giussani e della scuola francescana, valorizzando i talenti e la capacità critica degli studenti e coinvolgendo famiglie ed insegnanti in un processo continuo che ha per obiettivo la scoperta di sé senza escludere nessuno. Una missione che ha la scuola come centro non autoreferenziale ma aperto al mondo e alle altre parti in gioco nel processo educativo dei ragazzi, nella prospettiva di formare la futura classe dirigente nel dialogo, facendo dei banchi di scuola dei ponti di pace. Si tratta di un tentativo iniziale ben riuscito, possibile grazie al contributo di tanti donatori, che ci auguriamo possano ancora sostenerci in un cammino che garantisca la pace in Terra Santa.

img_20140228_115545
p1080795
p1080796
p1080797
p1080798
p1080799
p1080800
p1080803
p1080805
p1080818
p1080821
p1080827
p1080829
p1080831
p1080832
condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Finisce l’anno scolastico: grande festa per i diplomati del Terra Sancta College di Betlemme (Giugno 2015)

Avsi insieme ad ATS pro Terra Sancta, per sostenere l’educazione nei Territori palestinesi (Marzo 2014)

I bambini di Betlemme e di Savona uniti attraverso un messaggio di pace (Gennaio 2013)

Insieme per Educare: una giornata di formazione per dirigenti e formatori delle scuole di Terra Santa (Ottobre 2012)

Betlemme: si torna tra i banchi di scuola (Settembre 2012)

Cipro: procedono i lavori di ristrutturazione del Terra Santa College a Nicosia (Giugno 2012)

Betlemme: conclusione dell’anno scolastico del Terra Sancta College (Giugno 2012)

Progetto educazione a Gerico: volge al termine l’anno scolastico (Giugno 2012)

Betlemme: un corso per aiutare le mamme nel rapporto con le loro figlie adolescenti (Maggio 2012)

Un corso per direttori di istituti scolastici a Gerusalemme e nei Territori palestinesi (Marzo 2012)

Emergenza educativa nei Territori Palestinesi: si conclude positivamente il workshop organizzato da AVSI e ATS a Betlemme (Luglio 2011)

L’educazione è un fattore chiave per promuovere il dialogo in Terra Santa: l’intervento del Custode al workshop sull’educazione organizzato da AVSI e ATS pro Terra Sancta a Betlemme (Luglio 2011)

Emergenza educazione nei Territori Palestinesi: l’impegno di ATS e AVSI continua con nuovi appuntamenti (Luglio 2011)

Emergenza educativa nei Territori dell’Autonomia Palestinese: il progetto finanziato dal Ministero Affari Esteri prosegue- con qualche novità (Maggio 2011)

ATS pro Terra Sancta e AVSI presentano ufficialmente il progetto educativo (Gennaio 2011)

Parte il progetto di ATS pro Terra Sancta e AVSI in Terra Santa (Ottobre 2010)