In Giordania, a sostegno dei profughi cristiani in fuga dalle guerre di Siria e Iraq

Umm George, di origine armena, è una signora settantenne irachena scappata dalla guerra negli anni novanta per curare il marito rimasto ferito durante la prima guerra nel golfo. Rimasta poi vedova in Giordania e senza la possibilità economica di tornare in Iraq, un mese fa è stata raggiunta da sua figlia, con suo marito e due bambini, costretti anche loro a lasciare Mosul per un’altra minaccia, quella che oggi gli appartenenti dell’ISIS hanno portato a milioni di persone tra Iraq e Siria.

Tutti e cinque vivono oggi in due stanze, ad Amman, in tutto meno di 70 metri quadri, senza documenti in regola per poter lavorare. Quella di Umm George è una delle storie dei cristiani oggi rifugiati in Giordania, che grazie ad Associazione pro Terra Sancta e al contributo di Caritas Antoniana, sono aiutati a trovare una sistemazione e una speranza per il futuro.

La missione dei frati francescani in Giordania è una delle più longeve a servizio della minoranza cristiana nel paese, e la Terra Sancta School di Amman è considerata un delle migliori scuole di tutto il Paese.

Negli ultimi anni la situazione sta mutando molto velocemente e la Giordania è uno dei pochi porti ancora sicuri nel turbolente contesto mediorientale. Per questo motivo molte famiglie in fuga dalle zone di conflitto sono oggi rifugiate in Giordania. E non si fa riferimento ai profughi ufficiali che vivono nei campi profughi, ma a decine di centinai di persone che hanno lasciato la loro terra convinti di poter presto tornare, utilizzando i risparmi di una vita e che oggi dopo anni si sono trovati senza risorse, senza documenti validi per rifarsi una vita e senza prospettive per il futuro.

In questo contesto i frati francescani guidati, da Fr. Rachid Mistrih – di origine siriana ed in Giordania da più di venti anni -, hanno saputo accogliere il nuovo bisogno e sono impegnati sul campo a sostenere alcune famiglie nella nuova emergenza umanitaria. Associazione pro Terra Sancta è al loro fianco, e tutti possono aiutare concretamente la loro missione: perchè la storia dei cristiani del Medio Oriente e la loro forza nel resistere e testimoniare sono parte delle nostre radici e della nostra cultura.

Vincenzo Bellomo, collaboratore di Associazione pro Terra Sancta, da Amman.

Per saperne di più sul progetto “Giordania, aiuto ai cristiani del Medio Oriente”, clicca qui. Ogni contributo è fondamentale per aiutare queste famiglie nella difficile situazione in cui si trovano.