Marzo 2018
donne sabastiya

Le donne di Samaria oggi

Sono ormai anni che ATS pro Terra Sancta interviene con il Mosaic Centre in Samaria per sostenere la popolazione locale attraverso progetti di restauro, valorizzazione, accoglienza e sviluppo. Progetti e attività che non troverebbero sostegno se non ci fosse la forza anche di donne che con il loro lavoro contribuiscono a rendere vive le loro comunità.

sebastia donneMaha Hawari di Sabastiya da anni lavora per riabilitare i ragazzi disabili della sua città e dei villaggi limitrofi. “Ho iniziato nel 1995 come volontaria con la Croce rossa – racconta lei – e poi non ho più smesso”. Maha, laureata in scienze dell’educazione, non è sposata ma dedica tutto il suo tempo alla cura di gente che in Palestina non avrebbe un supporto assistenziale da nessuno. “Quando ho iniziato, molte famiglie non volevano che ci prendessimo cura dei loro figli, ma poi hanno visto le nostre attività e ora ci supportano”. Maha ha ricevuto aiuto anche dalla Guest House di Sabastia dipendente dal Mosaic Centre di Gerico e legata ad ATS pro Terra Sancta.  “Volevamo investire i guadagni della Guest House e della vendita dei prodotti (ceramica, saponi, marmellata) che offriamo ai nostri visitatori – spiega Osama Hamdan (direttore del Mosaic Centre) – così abbiamo pensato di aiutare la popolazione locale”.

I territori palestinesi, infatti, non offrono alcun sistema sanitario pubblico così come sono quasi inesistenti le strutture per disabili i quali non hanno alcuna opportunità di vivere una vita normale.  Così Maha insieme ad altre donne di Sabastiya ha organizzato un corso di cucito per ragazzi disabili, finanziato proprio dalla Guest House. “L’idea è stata subito ben accolta, un successo inaspettato” racconta Sumud l’insegnante del corso. Più di quaranta persone disabili, tra i 18 e 50 anni, hanno infatti partecipato al corso, venivano anche da Nablus e da altri villaggi. Il corso, che si è svolto nella hall della municipalità di Sabastiya tra il 2016 e il 2017, ha visto a dicembre, proprio nella grande città di Nablus, un’esposizione di questi prodotti.

Poi un mese fa in una cerimonia festosa sono stati consegnati gli attestati a tutti i partecipanti del corso. L’idea dell’aiuto ai disabili era già partita tre anni fa, quando sempre grazie all’aiuto del Mosaic Centre e ATS pro Terra Sancta si era tenuto un altro corso sul mosaico grazie al giovane Mohammad che è nato proprio a Sabastiya. All’epoca quattro ragazze e un ragazzo disabili, tutti di Sabastiya, avevano imparato l’antica arte di intessere le pietre colorate ed erano riusciti a produrre anche venti piccoli mosaici. “Volevamo che i nostri figli, pur avendo molte difficoltà, avessero l’opportunità di imparare a costruire qualcosa. Ora stiamo pensando di realizzare prodotti alimentari” conclude Maha. Anche questo piccolo aiuto può aiutare a sviluppare capacità innate di tanta gente che ha bisogno di una mano.  E, infatti, già dieci persone, come Meryam, hanno continuato a svolgere questa attività riuscendo ad avere dei buoni ricavati. Maha organizza anche summer camps per i giovani o programmi di intrattenimento “perché – spiega lei – Questi ragazzi sono come miei figli, sono la mia famiglia”.

Lama Khalil, invece, vive a Nisf Jubeil e da un anno lavora al Ceramic Centre. Pur non avendo studiato, ha scoperto una sua dote che non conosceva, ovvero decorare le ceramiche prodotte a mano nel laboratorio di questo piccolissimo villaggio della Samaria che ama tanto. “In primavera è un posto bellissimo, tutto questo verde che colora le colline ti dà pace!” racconta mentre il più piccolo dei suoi quattro figli le corre in braccio. “Sono felice perché la mia vita trascorre tra il lavoro, la casa, i miei figli e mio marito”. Quest’anno Lama sta frequentando insieme ai suoi colleghi un corso di inglese organizzato da ATS pro Terra Sancta perché spera di poter accogliere i visitatori e spiegare cosa fa con le sue mani preziose. Negli occhi di Lama si legge una forte volontà ovvero quella di sentirsi pienamente donna come madre, sposa e lavoratrice.

Maha e Lama sono esempi di donne che hanno investito nella crescita del loro territorio, tra problemi sociali e risorse su cui investire.

Scopri di più sui nostri progetti a Sabastiya!

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Condividere e dialogare: i corsi di lingua a Gerusalemme, Betania e Sabastiya (Aprile 2018)

Storia di Ruwaida, ceramista di Nisf Jubeil (Luglio 2017)

Una sola famiglia cristiana a Sebastia (Settembre 2016)

Una delegazione CEI visita le pietre vive di Betlemme (Novembre 2015)

L’arte della ceramica e una nuova guesthouse, per dare speranza a un altro villaggio in Samaria (Ottobre 2015)

Sabastiya, turismo accogliente di comunità (Luglio 2014)

I Consoli italiani di Gerusalemme visitano Sabastiya (Marzo 2014)

Nuova vita per la guesthouse di Sabastiya e per i giovani del villaggio (Gennaio 2014)

Presentazione della Mostra su Sabastiya al Festival Biblico di Vicenza (Giugno 2012)

Storie e impressioni dai ragazzi di Sabastiya (Aprile 2012)

Archeologia in Terra Santa: un libro dedicato a padre Michele Piccirillo (Settembre 2011)

Pellegrinaggi nell’antica Samaria: alla scoperta delle tradizioni cristiane, all’insegna del turismo sostenibile (Giugno 2011)

Sebastia nei testi sacri- scopri le origini bibliche del villaggio restaurato e sostenuto grazie a ATS pro Terra Sancta (Giugno 2011)

Si parla di Sebastia: il progetto ATS Pro Terra Sancta sta gradualmente attirando turisti e pellegrini nella città di Giovanni Battista (Giugno 2011)

L’eredità culturale dei mosaici in mostra a Gerusalemme: grande successo per l’iniziativa sostenuta da ATS pro Terra Sancta (Maggio 2011)

Mosaici in mostra presso l’Al-Quds University di Gerusalemme (Maggio 2011)

I mosaici della Terra Santa: un ponte di tessere attraverso il Mediterraneo (Maggio 2011)

L’archeologia, passione ed amicizia come ponte tra culture e religioni . (Maggio 2011)

Grande successo per la conferenza su Sebastia organizzata da ATS pro Terra Sancta in Palestina (Aprile 2011)

Il 14 e 15 aprile si svolgerà in Palestina una Conferenza su Sebastia (Aprile 2011)