Maggio 2016

“Nessuno viene dal nulla. Abbiamo radici comuni”: il messaggio della Conferenza del mosaico in Palestina

Si è conclusa con grande successo la prima edizione della Conferenza Internazionale sull’arte del mosaico in Palestina, la “Palestinian Mosaic Art International Conference. Comparing Experiences”. Per la prima volta in assoluto, studiosi e professori, archeologi e restauratori locali o di livello internazionale, si sono trovati per tracciare una panoramica sulle condizioni del patrimonio artistico palestinese, per confrontarsi sui metodi di conservazione e restauro utilizzati in altri Paesi e per studiare insieme possibili soluzioni future.

Tre giorni intensi tra Gerico e Sabastiya – due realtà davvero significative per la storia del mosaico –  in cui agli interventi degli esperti, si sono aggiunte le visite ai siti, immersi nelle bellezze di questi luoghi.

“Spero che la conferenza sia un passo, anche se piccolo, verso una più stretta collaborazione per la preservazione di questo incredibile patrimonio sconosciuto” auspica Carla Benelli, coordinatrice dei progetti culturali di Associazione pro Terra Sancta e uno dei promotori dell’evento, insieme a Osama Hamdan del Mosaic Centre Jericho e a tre professori della Al-Quds University.

Ma perché vale la pena continuare in quest’opera di conservazione in un momento come questo, con il Medio Oriente in fiamme?

“Le azioni umanitarie per soccorrere le persone colpite dalla guerra sono molto importanti”, risponde Osama Hamdan che da vari anni sognava di organizzare un evento come questo, “ma quello che sta accadendo in Medio Oriente sta cercando di distruggere l’identità dei popoli. L’ISIS ha proprio questo compito: distruggere l’identità e la memoria del Medio Oriente. Pensiamo solo a quanto è accaduto a Palmira. Il Califfato  vuole cancellare ciò che ci costituisce, una dimensione che è fondamentale. Perché l’uomo non vive solo di pane e acqua. Con pane e acqua potremmo al massimo solo sopravvivere, ma vivremmo male”.

Per questo motivo la conservazione e il restauro sono anche una delle prerogative dei francescani della Custodia di Terra Santa. La dedica della conferenza, “ai collaboratori e amici che non sono più tra noi”, parla chiaro. Tra questi Osama Hamdan ne ricorda due in particolare: padre Piccirillo, frate francescano che “ha cambiato la mia vita”, dice, e “Rasmi, un ragazzo che ha davvero dato tutto sé stesso per la preservazione di questo patrimonio e per la formazione di molti altri giovani palestinesi. Purtroppo è morto prematuramente in un incidente stradale”.

Preservare, dunque, ed educare i giovani a valorizzare questa ricchezza, perché “Nessuno viene dal nulla” conclude Hamdan, “abbiamo radici comuni”, e queste non devono sparire.

Aiutaci a preservare le radici del Medio Oriente!

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

L’Associazione Gelmini, a servizio dei popoli della Terra Santa (Luglio 2018)

Un servizio per tutta la vita. In Terra Santa con i ragazzi del Servizio Civile Nazionale (Novembre 2017)

Storia di Ruwaida, ceramista di Nisf Jubeil (Luglio 2017)

“Un nuovo cielo e una nuova terra”: il 29 ottobre a Roma la IX Giornata per le Associazioni di Terra Santa (Ottobre 2016)

Continua l’assistenza alle Pietre Vive di Betlemme: la Fondation Francois d’Assise in sostegno dei bisognosi (Ottobre 2016)

Ricominciamo le scuole! (Settembre 2016)

Arriva la “Palestinian Mosaic International Conference” (Aprile 2016)

Vi raccontiamo il nostro viaggio in Siria (Aprile 2016)

Terra Sancta Museum – Via Dolorosa: cosa dicono i visitatori? (Aprile 2016)

La vittoria di Aleppo: accoglienza, carità e unità (Marzo 2016)

Santo Sepolcro: nuova luce per i mosaici della Crocifissione (Febbraio 2016)

Incontriamo la famiglia di Mariam, bambina di Betlemme (Novembre 2015)

Il “vero” balsamo di Gerusalemme: tra gli antichi libri di medicina dei francescani della Custodia di Terra Santa (Ottobre 2015)

I nuovi volontari di Associazione pro Terra Sancta incontrano il Custode: “Grazie per la disponibilità” (Ottobre 2015)

Alla scoperta del Dominus Flevit: la prima visita per 15 ragazzine di una scuola del Monte degli Ulivi (Giugno 2015)

Un corso di ceramica per i ragazzi palestinesi: dal patrimonio archeologico allo sviluppo locale (Aprile 2015)

Progetto Monte degli Ulivi: nuova vita per i mosaici del Dominus Flevit (Aprile 2015)

Giovani mosaicisti al lavoro: restaurato il prezioso mosaico di Cafarnao (Novembre 2014)

“Certi che la bellezza salverà il mondo”: lavoro e opportunità per i mosaicisti di Gerusalemme est (Marzo 2014)

L’eredità di Francesco d’Assisi in Terra Santa (Ottobre 2013)