Agosto 2016

“Non voglio che siate tristi per la guerra”: gli oratori italiani a sostegno di Aleppo

“Cari bambini di Aleppo, so che siete in guerra ma so che avete un oratorio. Ho sentito della vostra storia e ho pianto… Vi chiedo solo un favore: non voglio che siate tristi per la guerra. Insieme possiamo vincere”.

A scrivere è Melissa, otto anni, di Senigallia. Lei, come tanti altri bambini e ragazzi, quest’anno ha partecipato all’iniziativa di gemellaggio tra alcuni oratori italiani e i campi estivi organizzati dai frati di Aleppo con il sostegno di Associazione pro Terra Sancta.

Da tutta Italia gli oratori hanno preparato poesie, lettere e disegni da condividere con i bambini di Aleppo. E sono in tanti ad aver rinunciato a parte della propria paghetta per destinarla alla parrocchia dei francescani della Custodia di Terra Santa.

Tanti segni di vicinanza commoventi, come la lettera della piccola Melissa, per un’Aleppo in ginocchio, straziata da una battaglia che tra luglio e agosto ha causato più di 400 vittime tra i civili. Durante tutto il mese di agosto poi, non è stato possibile far giungere aiuti umanitari alla città, nonostante i ripetuti appelli delle Nazioni Unite. Ciononostante, i frati hanno continuato ove possibile le attività di sostegno alla comunità.

Misericordiosi come il padre” è il tema scelto che ha guidato otto settimane di centro estivo di Aleppo, per seguire la linea indicata da papa Francesco nell’anno giubilare. “Non poteva essere altrimenti – racconta fra Firas Lutfi, vice parroco – perché anche noi abbiamo bisogno di sperimentare la sua Misericordia. E di essere misericordiosi. Vogliamo educare i ragazzi a vivere in prima persona alcuni gesti di misericordia – corporale e spirituale – incontrando gli altri, i vicini e gli anziani che vivono nel quartiere. E li invitiamo a trovare i propri cari e i malati nel loro tempo libero”.

Grazie ai fondi raccolti, i frati hanno ideato anche nuovi progetti di formazione. “Alcuni ragazzi sono nati in guerra, e non hanno ancora visto un giorno senza sentire i colpi delle esplosioni. Questi giorni con noi sono stati le loro vacanze, al sicuro e lontani dal conflitto”. Non è un’esagerazione, ma la dura realtà.

“Insieme possiamo vincere” scriveva la piccola Melissa ai bambini di Aleppo; un messaggio forte di speranza in una città straziata da una guerra infinita.

Sostieni anche tu i frati ad Aleppo!

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Insieme per ridare un nome e un futuro alla Siria. Intervista a Mons. Abou Khazen (Novembre 2018)

Racconto di un viaggio in Siria. Ultima tappa: Aleppo tra polvere e macerie, ma tanta voglia di ricominciare (Ottobre 2018)

Racconto di un viaggio in Siria. Prima tappa: Latakia e l’aiuto agli sfollati di Idlib (Ottobre 2018)

UN NOME E UN FUTURO (Aprile 2018)

IN SIRIA, NOI NON CI ARRENDIAMO (Marzo 2018)

Aleppo: ricuciamo le ferite dei piccoli siriani (Febbraio 2018)

Ricordando il Natale: Il dono dei francescani ai bambini di Aleppo (Gennaio 2018)

Fede, speranza e carità ad Aleppo. Ultima tappa del nostro viaggio in Siria (Novembre 2017)

Oasi di carità a Damasco. Prima tappa del nostro viaggio in Siria (Ottobre 2017)

Una casa per Aleppo (Ottobre 2017)

Aleppo: “tutto da ricostruire, ma non siamo soli” (Settembre 2017)

Aggiornamenti dalla Siria: “Torniamo a casa, ma non è ancora finita!” (Luglio 2017)

GREST 2017: con la parrocchia, ancora vicini alla Siria (Giugno 2017)

Testimonianze dalla Siria: Suor Iole, la missionaria di speranza a Damasco (Maggio 2017)

Sei anni di guerra in Siria e l’instancabile impegno di ATS pro Terra Sancta a fianco della popolazione (Marzo 2017)

Aleppo si rialza (Febbraio 2017)

Aleppo libera, ma la pace è ancora lontana (Dicembre 2016)

Colpita la chiesa francescana di Damasco. Associazione pro Terra Sancta a fianco della Custodia di Terra Santa (Novembre 2016)

Con i nostri occhi il dramma di Aleppo (Ottobre 2016)

Siria: Associazione pro Terra Sancta rilancia l’appello per la pace dell’ordine francescano (Ottobre 2016)