L’emergenza coronavirus in Terra Santa: tutti gli aggiornamenti

Pubblichiamo qui tutti gli aggiornamenti e i contributi dei collaboratori e volontari dell’Associazione pro Terra Sancta, sull’emergenza coronavirus in Terra Santa.

Anche in Terra Santa l’emergenza coronavirus si è evoluta velocemente: dopo i primi casi di israeliani infetti di ritorno dall’Italia e dall’Europa, sono stati i turisti stessi, attesi in grande numero per tutto il 2020, a portare con sé il virus dalle loro zone di provenienza.

Dopo il caso dei nove turisti coreani risultati positivi, il 5 marzo si sono registrati i primi quattro casi di CV-19 a Betlemme: quattro greci ospiti dell’Angel Hotel di Beit Jala, paese a pochi kilometri con Betlemme. Da loro è partita l’inevitabile catena di contagi: l’autista, alcuni membri del personale dell’hotel sono risultati positivi al test. 

L’emergenza, in Israele e nei Territori Palestinesi ha portato alla chiusura di tutte le attività e dei luoghi pubblici, compresa la chiusura dei santuari.

LE NOSTRE ATTIVITÀ

BETLEMME  E GERUSALEMME

Nei Territori Palestinesi, in particolare a Betlemme, Associazione pro Terra Sancta da anni interviene in ambito sanitario a supporto delle fasce della popolazione più fragili contribuendo a parte delle spese per medicinali e interventi medici non coperti dall’assistenza pubblica e talvolta per servizi e cure non presenti nel paese.

Il sistema sanitario pubblico nei Territori Palestinesi è sempre molto carente e presenta numerosi problemi, in particolare in termini di gamma dei servizi forniti e di numero limitato di prestazioni sanitarie offerte. Per questo, oggi con l’emergenza del Coronavirus che dai primi di marzo ha colpito anche Betlemme, la situazione sanitaria dell’area è ciò che preoccupa di più. Il forte rischio è che nei Territori manchino le forze per sopperire a un’emergenza della portata di quella italiana o cinese.

Associazione pro Terra Sancta ha attivato a Betlemme un numero di emergenza per rimanere a disposizione dei malati e non lasciarli soli in un momento difficile cercando di continuare a garantire ad almeno 250 famiglie un supporto per far fronte alle spese mediche.

Leggi di più...

È forte la preoccupazione per gli anziani, la fascia più colpita dal virus, e per i soggetti a rischio con diabete, ipertensione e problemi cardiaci. Pertanto l’Associazione cerca di aumentare il sostegno agli anziani in difficoltà in collaborazione con opere di carità presenti sul territorio come la Società Antoniana, attraverso la copertura di spese mediche e la distribuzione di mascherine ormai divenute quasi introvabili.

A Gerusalemme l’Associazione risponde alle richieste di sostegno degli ospedali St. Joseph e St. Louis che non riescono a far fonte alla situazione di emergenza causata dal diffondersi del Covid-19. Questi due ospedali sono gestiti dalle suore di San Giuseppe dell’Apparizione e operano a servizio della comunità araba della città.

REGIONE SAN PAOLO: LIBANO E SIRIA

In Libano, paese già travolto dal default finanziario e dalle proteste popolari, sono stati segnalati i primi casi di Covid-19 e sono state imposte le misure restrittive per evitare il contagio. Qui Associazione pro Terra Sancta è impegnata a sostenere centri di assistenza per giovani disabili e di assistenza agli anziani che rimangono i soggetti più deboli in questa crisi sanitaria.

In Siria la situazione interna è ancora più drammatica a causa del conflitto in cui è coinvolto il paese da più di nove anni. Sono 11,7 milioni le persone che ufficialmente necessitano di aiuti umanitari, di cui quasi la metà sono bambini. In questa grave condizione socioeconomica, il sistema sanitario siriano rischia ormai da anni il collasso.

A causa dei combattimenti si è registrata una progressiva carenza di medicinali e materiale sanitario. La guerra ha causato la chiusura di un gran numero di fabbriche farmaceutiche, in particolare ad Aleppo, Homs e Damasco e si registra in Siria ancora oggi un’estrema carenza di personale medico qualificato e specializzato e la difficoltà ad accedere ai farmaci in quanto il loro prezzo continua ad aumentare.

4 centri di emergenza

Dal 2012 Associazione pro Terra Sancta attraverso i 4 centri di emergenza aperti nelle città di Aleppo, Damasco, Knaye e Latakia, provvede alla distribuzione di medicine e di vouchers per coprire le spese mediche di visite e interventi specifici a circa 1500 persone ogni mese. A seguito dei primi casi Covid in Siria e le misure restrittive anti-contagio, l’Associazione si è impegnata a distribuire DPI insieme ai medicinali. 

Aleppo

Associazione pro Terra Sancta è impegnata a sostenere un piccolo ambulatorio ad Aleppo est, oggi l’area più degradata della città dove la popolazione è poverissima. L’ambulatorio è l’unico servizio sanitario a cui hanno accesso centinaia di bambini orfani o nati da violenza durante il controllo delle milizie jihadiste che non sono ancora registrati all’anagrafe. 

Leggi di più...

L’Associazione collabora inoltre con gli ospedali St. Louis di Damasco e Aleppo, tra i più attivi delle città, attraverso il supporto per le spese correnti e la copertura totale o parziale dei costi di degenza di alcuni pazienti presenti all’interno delle strutture alleggerendo i costi di un sistema sanitario in vista di un’emergenza che potrebbe diventare catastrofica in breve tempo.

Damasco

Nel quartiere di Jaramana Associazione pro Terra Sancta supporta lo studio medico del Dr. Suleiman dove vengono offerte ogni anno visite di controllo gratuite a 2.000 pazienti e i più bisognosi sono sostenuti con un contributo per coprire le spese di esami specialistici e farmaci costosi e difficilmente reperibili.

Leggi di più...

L’Associazione sostiene anche un centro di accoglienza e assistenza medica nel quartiere di Tabbaleh, che ospita ogni anno 140 malati gravi che devono sostenere trattamenti medici di lungo periodo presso gli ospedali della capitale. Per i più poveri tra loro è offerto anche un contributo per coprire parte delle spese mediche (medicine, cure e operazioni).

 

LE NOTIZIE

Aleppo covid war

Aleppo: "Il primo problema è la fame"

08 maggio 2020

Padre Ibrahim Alasbagh descrive come la comunità siriana sta vivendo la pandemia da Covid-19 e come il problema maggiore sia la crisi economica e il rischio di una carestia.

LEGGI DI PIU’…>

Le opere che non possono chiudere

24 marzo 2020

Matteo, volontario a Betlemme, ci racconta come si vive a Betlemme durante l’emergenza Corona Virus, ma soprattutto come le opere di carità continuino ad operare anche grazie ai giovani volontari coordinati dall’Associazione Pro Terra Sancta.

LEGGI DI PIU’…>

Libano: una crisi senza precedenti

24 aprile 2020

La situazione libanese nelle parole di Fra Firas Lutfi Ministro della Regione San Paolo. Coronavirus e povertà.

LEGGI DI PIU’…>

Il centro di assistenza non si ferma

18 marzo 2020

Naila Nasser, assistente sociale di Associazione pro Terra Sancta a Betlemme, continua il suo lavoro anche durante questo momento di criticità almeno per i casi più urgenti.

LEGGI DI PIU’…>

Betlemme: il cuore grande di Souzi

07 aprile 2020

La coordinatrice delle attività alla Società Antoniana con i volontari di Associazione Pro Terra Santa in cucina per aiutare le suore e gli anziani della Società Antoniana di Betlemme

LEGGI DI PIU’…>

Betlemme ai tempi del coronavirus

13 marzo 2020

Racconti di una Betlemme ai tempi del Coronavirus. Dopo i primi casi di turisti risultati positivi al test, chiusura totale della città. Strade deserte e popolazione chiusa in casa. 

LEGGI DI PIU’…>

I VIDEO

Sono arrivati tantissimi messaggi di solidarietà dai nostri amici, collaboratori e beneficiari, li abbiamo raccolti in un unico video da tutto il Medio Oriente. #iostoconlitalia!

Sotto invece pubblichiamo tutti i video dai nostri collaboratori e amici in Israele, Palestina e Regione San Paolo (Siria e Libano).

Testimonianze da Israele e Palestina

Betlemme: testimonianza di Anna dall’Hogar Niño Dios

Anna, volontaria del Servizio Civile italiano per Consorzio Icaro e Associazione pro Terra Sancta, racconta del servizio all’Hogar Niño Dios, struttura che accoglie bambini con disabilità, in un momento fi grande emergenza. 

 

Testimonianza di Osama Hamdan 

Osama Hamdan, direttore del Mosaic Centre Jericho e collaboratore dell’Associazione pro Terra Sancta, ci aggiorna sull’andamento dei progetti a Betania e Sebastia, in questo momento di emergenza.

 

Testimonianza di Matteo e Suor Lisi da Betlemme

I volontari del Servizio Civile Internazionale di Associazione Pro Terra Sancta continuano ad aiutare la Società Antoniana e le suore della Congregazione delle Figlie di Maria Santissima dell’Orto. Con l’arrivo del COVID-19 a Betlemme gli anziani della Società Antoniana hanno bisogno di maggiori attenzioni. È per questo che il nostro sostegno e contributo non si può fermare. Ogni giorno Matteo e gli altri ragazzi, forniti di guanti e mascherina, danno una mano in cucina e aiutano le suore a mandare avanti la struttura.

 

Il Santo Sepolcro come non l’avete mai visto

A causa dell’emergenza sono stati bloccati tutti i viaggi per e dalla Terra Santa. Vi portiamo all’interno di un Santo Sepolcro vuoto, senza code infinite di pellegrini.

Con l’aggravarsi dell’emergenza il Santo Sepolcro è stato chiuso. Al suo interno rimangono i frati della Custodia di Terra Santa e i monaci delle altre comunità cristiane.

Qui tutti gli aggiornamenti sui Luoghi Santi e le celebrazioni in Terra Santa.

 

Coronavirus a Betlemme: Noi restiamo qui

Vincenzo Bellomo, responsabile dei progetti di Associazione pro Terra Sancta a Betlemme, racconta la drammatica chiusura della città a causa dell’emergenza Covid-19 e le soluzioni adottate per continuare l’assistenza a Betlemme.

Ecco cosa continuiamo a fare a Betlemme.

 

Testimonianze da Siria, Libano e Rodi

Rodi: L’emergenza rifugiati ai tempi del Covid-19

Fr. Luke Gregory racconta in un’intervista la crisi dei rifugiati sulle isole del Dodecanneso, crisi aggravata dall’emergenza in corso.

 

Covid-19: aggiornamento da Aleppo

Mirella Halabi, medico ad Aleppo, ci racconta delle misure preventive attuate dal governo siriano per evitare lo scoppio dell’epidemia in un Paese che è già provato da 10 anni di conflitto. Con il 54% degli ospedali parzialmente distrutti o inagibili il coronavirus in Siria sarebbe incontenibile. 

Qui le nostre iniziative in ambito sanitario in Siria.

Nono anniversario di guerra in Siria

Giacomo Gentile dell’ufficio progetti di Associazione pro Terra Sancta riassume i dieci anni di conflitto in Siria e racconta delle iniziative di Associazione pro Terra Sancta nell’emergenza. 

 

DIRETTE E INCONTRI

Tutte le dirette dai Santuari di Terra Santa

L'Angelus da Nazaret

Ogni sabato alle 11:00 (ora italiana) viene trasmessa la preghiera dell’Angelus in diretta dal luogo dove il Verbo si è fatto carne.

Il Rosario di San Giuseppe

Ogni martedì alle 19:30 (ora italiana), la diretta della recita del Rosario di san Giuseppe durante la processione dalla Basilica dell’Annunciazione alla chiesa di san Giuseppe e alla casa della Sacra Famiglia.

Gli incontri con collaboratori dalla Terra Santa

Pubblicheremo qui tutti gli incontri dal campo con i collaboratori di Associazione pro Terra Sancta in diretta o in differita.

Incontro con Vincenzo Bellomo

L’incontro per via telematica con Vincenzo Bellomo, responsabile dei progetti di Associazione pro Terra Sancta a Betlemme. 

Incontro con fra Bahjat da Damasco

Incontro con fra Bahjat Elias Karakach, parroco di Bab Touma a Damasco.

Incontro con fra Firas Lufti

Incontro con fra Firas Lufti, Ministro Generale della Regione San Paolo in connessione da Beirut.

Incontro con fra Ibrahim Alsabagh

Incontro con fra Alsabagh, in connessione dalla città più martoriata della Siria.

email whatsapp telegram facebook twitter