Maggio 2017

Testimonianze dalla Siria: Suor Iole, la missionaria di speranza a Damasco

Il cuore della Siria a Damasco pulsa ancora… Non si è mai fermato, e ora più che mai batte con forza affinché possiamo inziare a ricostruire, anche se ci vorrà molto”. A parlare è suor Iole, siriana, Missionaria francescana a Damasco. E’ in visita a Gerusalemme per qualche giorno, prima di tornare nella sua amata Siria. Ne approfittiamo per farci raccontare cosa sta succedendo in quel Paese che da marzo ha iniziato il suo settimo anno di calvario.

“A Damasco l’esercito ha sempre resistito”, continua suor Iole “non ci sono state distruzioni, come ad Aleppo, o Homs… Ma la guerra ha lasciato il suo segno anche da noi”. Moltissimi sono i bambini e i ragazzi accolti nelle strutture dei francescani che riportano seri traumi.

A soffrire di più sono i bambini. “Questa situazione di tensione continua, che soffoca ogni tipo di speranza, le famiglie distrutte… Insomma, i bambini non crescono in serenità, sono spaventati, disperati”. Quindi ci racconta la tragica vicenda di una famiglia della comunità: “A causa dei continui sbalzi di corrente una signora è rimasta fulminata. Il marito, da mesi aveva dovuto cessare la propria attività e quindi non lavorava più… Venuta a mancare la moglie, senza nulla per poter mantenere i loro tre figli, il pover’uomo si è suicidato… Che speranza rimane ai figli?” Nessuna, se non l’aiuto dei francescani che li hanno accolti. “Due giorni prima che partissi” continua la suora, uno dei bambini di questa famiglia, di soli otto anni, è stato trovato in stanza che cercava di montare un cappio… Appena l’ho saputo sono corsa ad abbracciarlo. Perché la prima cosa è far capire che non si è mai lasciati soli. Alla fine si è rasserenato e mi ha sorriso. Questa è la speranza”.

Lo sguardo triste di suor Iole si posa nel vuoto per qualche secondo. Poi, d’improvviso, si riprende con forza “Per questo il nostro aiuto e la nostra presenza a Damasco ora è più che mai necessaria! Perché la  speranza c’è, esiste!”.

In Siria, Associazione pro Terra Sancta a fianco dei francescani, ha recentemente aumentato gli sforzi a supporto delle scuole e delle strutture educative, in modo da investire nell’educazione, nell’accompagnamento e nel supporto psicologico dei giovani che in questa guerra hanno subito traumi indicibili.

Come racconta suor Iole però, c’è ancora moltissimo lavoro da fare.

Aiutaci anche tu!

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Sei anni di guerra in Siria e l’instancabile impegno di ATS pro Terra Sancta a fianco della popolazione (Marzo 2017)

Aleppo si rialza (Febbraio 2017)

Aleppo libera, ma la pace è ancora lontana (Dicembre 2016)

Colpita la chiesa francescana di Damasco. Associazione pro Terra Sancta a fianco della Custodia di Terra Santa (Novembre 2016)

Con i nostri occhi il dramma di Aleppo (Ottobre 2016)

Siria: Associazione pro Terra Sancta rilancia l’appello per la pace dell’ordine francescano (Ottobre 2016)

“Non voglio che siate tristi per la guerra”: gli oratori italiani a sostegno di Aleppo (Agosto 2016)

“La carità è il primo comandamento”: la testimonianza dei Centri Estivi di Aleppo (Luglio 2016)

Una proposta estiva per tutte le parrocchie italiane! (Maggio 2016)

Bombe sul collegio Terre Sainte! (Maggio 2016)

Aleppo, la guerra e la speranza. Voci dalla città che non conosce tregua (Maggio 2016)

Vi raccontiamo il nostro viaggio in Siria (Aprile 2016)

Dal Vangelo secondo Damasco: “la battaglia che non conosce tregua” (Marzo 2016)

La vittoria di Aleppo: accoglienza, carità e unità (Marzo 2016)

Siria. Migliaia di persone fuggono da Aleppo. Il nuovo appello del Papa. (Febbraio 2016)

Aggiornamenti dalla Siria: cosa rimane del 2015 e come affrontiamo il nuovo anno (Gennaio 2016)

Padre Dhiya Azziz di nuovo scomparso in Siria (Dicembre 2015)

Siria: nell’incessante violenza e nel disastro umano, la Misericordia ha bussato ad Aleppo (Dicembre 2015)

Siria: inviati nuovi macchinari per l’ospedale di Aleppo (Novembre 2015)

Aleppo, colpita la chiesa che trema ma non crolla. Frate Ibrahim: “La Madonna ci ha protetti” (Ottobre 2015)