Maggio 2017

Rami di Nisf Jubeil

Dopo i giorni delle olive potrò finalmente fidanzarmi e poi, presto, sposarmi”.  A Rami Awayes, 28 anni, sembrava impossibile fino a qualche anno fa. E invece tutto accadrà a ottobre, “dopo le olive”, ovvero dopo i giorni della raccolta. “Tutto grazie a questo lavoro, che mi ha dato davvero tanto”, spiega, “il matrimonio è uno dei regali più belli, ma ce ne sono molti altri!”.

Dal giugno 2016 Rami è responsabile della Mosaic Guesthouse a Nisf Jubeil, un paesino di circa 300 abitanti che sorge sulle colline della Samaria. Il villaggio si trova a cinque minuti da Sabastiya, dove la tradizione identifica la tomba di san Giovanni Battista. Qui il Mosaic Centre Jericho e Associazione pro Terra Sancta hanno avviato alcuni progetti socio-imprenditoriali a supporto della comunità. Oltre alla Guesthouse, è stato avviato anche un laboratorio dove vengono prodotte artigianalmente ceramiche secondo la tradizione locale.

“Inizialmente sono stato coinvolto come operaio nei lavori di restauro di alcuni locali, antiche abitazioni palestinesi, che abbiamo trasformato nelle stanze della Guesthouse di Nisf Jubeil”, continua Rami “ora gestisco la Guesthouse che oltre a me coinvolge alcune famiglie del villaggio, per il lavaggio delle lenzuola e degli asciugamani, la preparazione della colazione…”. Per molti questo progetto è davvero un’occasione importante, dato che oltre alla coltura delle olive e ad alcune attività di pastorizia, nei dintorni c’è poco altro.

Rami possiede sette pecore e alberi di ulivo nei terreni di famiglia. “Che non è poco” dice entusiasta, “ma in questo lavoro imparo un metodo e mi si apre un orizzonte nuovo. Ora sto imparando l’inglese… Insomma per la prima volta mi sento coinvolto nella costruzione di qualcosa di grande: sono tutte iniziative che assicurano un futuro a me, come a tutto il paese!”

Vuoi darci una mano per portare avanti il progetto di formazione in Samaria? Clicca qui!

condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Sebastia: nuovi spazi per un turismo sostenibile e responsabile (Marzo 2019)

Costruire presepi nella terra di Gesù (Novembre 2017)

Storia di Ruwaida, ceramista di Nisf Jubeil (Luglio 2017)

Il tuttofare di Sabastiya che vuole portare il bello a tutto il paese (Marzo 2017)

Una sola famiglia cristiana a Sebastia (Settembre 2016)

Il personaggio del mese: Matilde, una maestra ceramista tra i ragazzi di Sabastiya e Nursf Jebeil (Luglio 2015)

Un corso di ceramica per i ragazzi palestinesi: dal patrimonio archeologico allo sviluppo locale (Aprile 2015)

Sabastiya: inaugurata la nuova guesthouse, all’insegna del turismo solidale (Ottobre 2014)

Imparare l’accoglienza: terminato il corso di lingua italiana a Sabastiya, parlano i protagonisti (Agosto 2014)

Sabastiya, turismo accogliente di comunità (Luglio 2014)

I Consoli italiani di Gerusalemme visitano Sabastiya (Marzo 2014)

Nuova vita per la guesthouse di Sabastiya e per i giovani del villaggio (Gennaio 2014)

Sabastiya: una nuova guida per raccontare la storia e la bellezza del villaggio della Samaria (Marzo 2013)

Un libretto per raccontare ai bambini di Sabastiya la storia del loro villaggio (Novembre 2012)

Sabastiya (Novembre 2012)

Un seminario per chi guida i pellegrinaggi in Terra Santa (Novembre 2012)

Molti visitatori per la mostra su Sabastiya a Crespellano, che continua fino al 30 settembre (Settembre 2012)

Sabastiya vi aspetta… a Crespellano! (Settembre 2012)

Sabastiya: terminato con una festa il corso di italiano per i ragazzi del villaggio (Agosto 2012)

Ricordare un proprio caro con un gesto di solidarietà in favore del progetto di Sabastiya (Luglio 2012)