Dicembre 2014

Le voci dei piccoli di Betlemme, tra la mensa, i compiti e il campo di pallone

I tavoli della mensa sono affollati e nell’aria si respira l’allegria contagiosa dei ragazzi, oltre che un delizioso odore di riso con verdure, il piatto del giorno. “Il menu cambia tutti i giorni, per esempio ieri abbiamo mangiato la pasta – racconta Basel, un ragazzo della settima classe – e laggiù c’è il dolce. È divertente mangiare tutti insieme!”.

La mensa è una delle attività del progetto “Betlemme e i bambini di Terra Santa”, che ha come obiettivo quello di sostenere la crescita personale e l’educazione di giovani palestinesi tra i 3 e i 17 anni. Per i ragazzi provenienti dalle famiglie più povere, l’iniziativa francescana, che gode del supporto della Fondazione San Zeno, offre l’opportunità di trascorrere del tempo in più a scuola, invece che in strada, con il servizio mensa e le attività extra didattiche.

“Dopo il pranzo abbiamo una mezz’ora di svago e poi, alle 3, andiamo in classe a fare il doposcuola” racconta Mohammed. All’uscita dalla mensa, infatti, i ragazzi si riversano nel campetto della scuola: la maggior parte gioca a calcio, alcuni gruppetti invece chiacchierano sulle scale del cortile.  Dopo un goal da professionista, George racconta in cosa consistono le attività pomeridiane: “I professori ci aiutano a fare i compiti e a prepararci per le interrogazioni del giorno dopo; facciamo tutte le materie: inglese, arabo, italiano, matematica”.  Lui è bravissimo in inglese…

Nonostante la maggior parte degli studenti provenga da un contesto di estrema povertà e di disagio sociale, l’atmosfera a scuola è distesa, i ragazzi sono curiosi e alcuni di loro hanno le idee chiare sul futuro: “Voglio viaggiare, visitare tanti paesi, ma poi voglio tornare a Betlemme: è il paese più bello!” confida Ilyas, che frequenta la decima classe.

Se questi ragazzi hanno migliori prospettive per il futuro è grazie al sostegno dei frati francescani e del personale educativo che ogni giorno sceglie di credere in loro, aiutandoli a sviluppare al meglio il loro potenziale.

Aiuta anche tu i piccoli di Betlemme, e partecipa alla Campagna di Natale.

Dona ora per Betlemme!

IMG_1139
IMG_1158
IMG_1159
IMG_1167
IMG_1191
IMG_1215
IMG_1229
IMG_1251
IMG_1259
IMG_1299
IMG_1309
IMG_1322
IMG_1354
IMG_1359
IMG_1373
IMG_1400
IMG_1402
IMG_1407
condividi facebook twitter google pinterest stampa invia
Notizie correlate:

Betlemme: la piccola May torna a vedere (Aprile 2019)

Il turismo che fa (del) bene: l’esperienza della Guesthouse Dar Al Majus di Betlemme (Aprile 2019)

Scuole di Terra Santa: quei luoghi dove ancora oggi continua l’incontro tra San Francesco e il Sultano (Febbraio 2019)

Betlemme: dopo 2000 anni, la bellezza e la semplicità di un evento che ha cambiato l’umanità (Dicembre 2018)

“Voglia di acqua” a Betlemme: nuove cisterne di acqua in regalo a Rana e alla sua famiglia (Dicembre 2018)

Betlemme: la mostra “Mille volte Natale” nella città dove è Natale ogni giorno (Ottobre 2018)

Ricomincia la scuola a Betlemme! (Settembre 2018)

5 x Mille per l’educazione: l’esempio di due ragazze di Betlemme (Maggio 2018)

Le mani e il cuore di Mattia, fiositerapista volontario a Betlemme (Marzo 2018)

Nuovo indirizzo tecnologico del Terra Sancta School di Betlemme: una scommessa all’avanguardia (Marzo 2018)

Natale a Betlemme: i piccoli segni di una speranza grande (Dicembre 2017)

Natale a fianco dei bambini malati di Betlemme (Dicembre 2017)

Al Campo dei Pastori con fra Josè Maria. Per essere “un po’ pastori e un po’ angeli” (Novembre 2017)

Un servizio per tutta la vita. In Terra Santa con i ragazzi del Servizio Civile Nazionale (Novembre 2017)

Estate a Betlemme: per crescere insieme con la musica (Agosto 2017)

Il “Summer Camp” a Betlemme (Luglio 2017)

Betlemme: il 5xmille di Associazione pro Terra Sancta che porta l’acqua in casa (Aprile 2017)

A lezione con l’Arab Institute di Betlemme: “Non basta conoscersi e interessarsi, ma si deve anche valorizzare l’altro” (Febbraio 2017)

Incontro, buona cucina e la bellezza delle piccole cose: le donne di Betlemme ripartono anche da qui (Febbraio 2017)

“Riconciliarsi con se stessi, per costruire il mondo”: l’avventura dei ragazzi di Betlemme (Gennaio 2017)